Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

HDTV su Digitale Terrestre con ADB e RAI

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 23 Febbraio 2006 nel canale HT

“In questi giorni, al Centro Ricerche RAI di Torino viene scritto un importante capitolo nella storia della TV ad alta definizione, grazie agli importanti traguardi raggiunti con la sperimentazione delle trasmissioni in HDTV in formato H.264 su DVB-T, in collaborazione con Advanced Digital Broadcast”

ADB e il nuovo decoder ad alta definizione


Un'immagine del prototipo del decoder ADB 6800STX utilizzato

Come annunciato al Sat EXPO, il progetto per la trasmissione di contenuti in alta definizione in formato AVC H.264 su DVB-T è partito fortunatamente senza intoppi, grazie anche alla disponibilità dei decoder ad alta definizione prodotti da ADB che i lettori di AV Magazine dovrebbero conoscere già molto bene.


Alcuni particolari del decoder ADB utilizzato nella sperimentazione

ADB è stata una delle prime aziende che ha presentato un decoder multipiattaforma per satellite, digitale terrestre, cavo e internet, in grado di ricevere anche segnali ad alta definizione fino a risoluzione 1920x1080 punti. Il ricevitore di ADB decodifica anche i segnali compressi secondo alcuni dei più moderni sistemi di compressione basati sull'alta efficienza dell'MPEG4/AVC come AVC H.264 ed il VC1 basato sul Windows Media Video HD di Microsoft.


Una piccola parte dei decoder che ADB ha consegnato alla RAI

ADB ha consegnato alla RAI circa 100 prototipi della serie 6800, preparati per la ricezione su piattaforma DVB-T. I decoder sono stati utilizzati non solo all'interno del Centro Ricerche Rai ma anche in oltre una quindicina di postazioni nella sola Torino distribuite anche in luoghi pubblici, come la stazione ferroviaria principale di Torino.