Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

IFA: Day one

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 02 Settembre 2005 nel canale HT

“La fiera più importante d'Europa è appena iniziata. Siamo a Berlino che, per un'intera settimana, si trasforma nell'ombelico del mondo dell'elettronica audio, video e TV con un una serie di eventi, annunci ed appuntamenti dall'importanza fondamentale.”

La conferenza stampa Philips


Alcuni momenti della conferenza stampa Philips. A destra Rudy Provoost
- click per ingrandire -

Alla gremita conferenza stampa Philips, la "parola d'ordine" di Rudi Provoost, CEO di Philips Consumer Electronics, è "Alta Definizione". Finalmente! Come già promesso al CeBIT lo scorso marzo, Philips sarà partner dell'organizzazione dei prossimi Mondiali di Calcio del 2006 che si terranno proprio in Germania e fornirà in esclusiva i prodotti consumer per la visione delle trasmissioni in alta definizione. Uno del partner per la produzione e la trasmissione dei mondiali in HDTV (1920x1080) sarà il network Premiere.

Philips sottolinea la disponibilità di display a schermo piatto (specialmente con tecnologia LCD) con piena risoluzione HDTV di 1920x1080 punti. Il modello da 37" attualmente in catalogo ne è un esempio ed altri arriveranno a breve. Philips crede moltissimo agli effetti dei mondiali di calcio sulla domanda di schermi in alta definizione. A ragione, aggiungeremmo ma senza farsi troppe illusioni. Gli schermi HD costano ancora troppi soldi e la qualità video degli attuali display LCD è ancora tutta da dimostrare.

In pratica è come se si sperasse che le tante famiglie rimaste ancora al tubo catodico, possano tranquillamente acquistare un display ad alta definizione dal prezzo di svariate migliaia di Euro. Domanda: ma non sarebbe stato molto più sensato far percorrere agli utenti europei lo stesso percorso di quelli americani e giapponesi?

Per fare un esempio, in USA esistono da mesi e mesi, splendidi TV Color a tubo catodico da 32" che accettano e riproducono segnali ad alta definizione, sia a risoluzione 720p, sia a 1080i. Alcuni di questi TV Color sono anche dotati di ingresso HDMI. Il prezzo, per alcuni è anche inferiore ai 700 Euro e con molti aspetti qualitativi decisamente superiori al miglior display LCD attualmente sul mercato.

In Europa sembra quasi che vendere un TV Color CRT ad alta definizione sia un reato perseguibile penalmente. La stessa Philips infatti, che assieme a LG Electronics produce cinescopi ad alta definizione, si limita a fornire questi ultimi a terzi. Come JVC, per esempio: che ne fa un ottimo uso!


La proiezione di un filmato del network Premiere HD

Durante la conferenza stampa, Philips ha dato un assaggio dei possibili risultati della visione di immagini sportive in alta definizione, utilizzando il videoproiettore "dati" in dotazione alla sala. Il risultato - devo ammetterlo - mi ha molto sorpreso per la qualità generale delle immagini, piuttosto elevata.

Dopo aver praticamente abbandonato gli investimenti nella tecnologia LCoS, Philips continua a non sembrare molto interessata alla videoproiezione come strumento per la visione di contenuti in alta definizione tra le mura casalinghe. Tutte le risorse ora sembrano essere dedicate ai display a schermo piatto, con tecnologia LCD. Il premio all'innovazione consegnato dall'EISA ne è un esempio.


HDD JukeBox GoGear              videofonino VP5500               Media Center Cineos
- click per ingrandire -

Durante la conferenza stampa, abbiamo potuto fare la conoscenza di alcuni prodotti piuttosto interessanti. Nelle tre foto in alto, da sinistra a destra, i nuovo jukebox della serie GoGear con disco rigido interno rispettivamente da 6 GB e da 30 GB; disponibili da ottobre. Al centro un nuovo videofonino cordless con funzionalità voip: il VP5500.

A destra una vera sorpresa: un PC Media Center che verrà commercializzato a breve. Sconosciute per il momento le dotazioni (CPU, scheda video etc.). Il Cineos MCP9350i (questo il nome) è dotato anche di uscita DVI.