Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nymphomaniac Vol. 1-2

di CineMan , pubblicato il 06 Gennaio 2015 nel canale SOFTWARE

“Lars Von Trier di nuovo alle prese con il temuto universo femminile nella più lugubre e grafica delle declinazioni possibili. Distribuzione BD curata da CG Home Video”

- click per ingrandire -

L'esile Joe (C. Gainsbourg) giace al suolo in un lurido vicolo, il volto emaciato e gli evidenti segni di una violenza convincono il maturo Seligman (S. Skarsgård) a offrirle riparo dall'incombente notte di un gelido inverno. Le ferite che la donna mostra all'esterno sono nulla a confronto di quanto reca dentro un'anima scarna e prosciugata alla vana ricerca della soddisfazione (sessuale).

L'orgasmo è un mito, la pentola d'oro alla fine di un arcobaleno fisico e mentale di cui Joe non ha mai conosciuto i colori. Persa la verginità con lo stesso piacere che si proverebbe sfregando le unghie su un foglio di carta vetrata prende forma un racconto-confronto con Seligman, dal primo ricordo (sessuale) dopo la nascita sino all'età matura, percorso composto (quasi) esclusivamente di dolore, abbandono, promiscuità assoluta, un'infernale quanto picaresca parabola (sessuale), macabra e conflittuale quanto la vita stessa di Joe, che sente di non avere raggiunto mai veramente nessuna persona e nessun luogo.

Lei parla, lui ascolta e stimola il ricordo, giustifica, comprende, apprende, violenta il proprio intelletto superiore mentre secrezioni biologiche si mescolano allo scibile umano (tra matematica, natura e religione) in una squilibrata rappresentazione di un buio, sterile, patologico e deprimente universo non solo femminile.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Dopo la (fastidiosa) visione delle due parti che compongono quest'opera viene da chiedersi se questo sia davvero lo stesso regista di “Dancer in the dark”, “Europa”, “The Kingdom” o “Le onde del destino”.

“Nymphomaniac”, che chiude la trilogia della depressione assieme a “Melancholia” (di cui in Italia è disponibile solo il DVD) e “Antichrist”, è un delirante, morale/amorale, farraginoso racconto di un essere umano che ha condotto una miserabile vita senza meta, che nel mezzo del cammin dell'esistenza (sessuale) tira le somme ma comunque la si voglia leggere il risultato è sempre e solo il nulla.

Come spesso accade con un maestro della settima arte come Terrence Malick anche qui alla chiamata ha risposto un generoso stuolo di attori anche di grande caratura come Willem Dafoe, Uman Thurman e lo stesso Stellan Skarsgård (non si è risparmiato nemmeno Udo Kier), personaggi sprecati dentro una sceneggiatura che mescola bizzarrie senza senso (chiamato in causa persino Fibonacci, sicuramente più utile ed efficace nelle strategie di speculazione borsistica che incrociandolo con 'numero di amanti' e 'polifonia') da cui traspare, di nuovo, la paura del regista per la donna e tutto ciò che rappresenta.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Quando l'agente comunica all'attore, anche di fama, che la prima e più importante immagine che occorre al regista è quella del proprio pene forse bisognerebbe porsi qualche domanda in più prima di sottoscrivere il contratto. Scelte personali degli artisti a parte qui lo scandalo non sta nell'aspetto meramente grafico e senza mezzi termini, il sovversivo regista danese da sempre lo si ama o lo si odia e quest'opera meriterebbe il massimo dei voti per il rivoluzionario approccio a un argomento così ostico ma allo stesso tempo non raggiunge il minimo grado di accettabilità per gli elementi che lo compongono, almeno per quanto ci è stato concesso vedere, frustrati dopo aver letto l'avviso, anteposto unicamente a inizio di entrambi i volumi (nulla è segnalato nella cover dei due prodotti), che trattasi della “versione ridotta e censurata del film[...]che Lars Von Trier ha autorizzato ma non ha partecipato alla sua realizzazione”.

Perché autorizzare un montaggio a cui non si è preso parte? Perché non andare sino in fondo e disconoscere la paternità del film se non nell'unica versione completa? Qui non si tratta dell'assenza di piccoli elementi di raccordo ma la castrazione della visione registica: 148 minuti integrali per il Vol. 1 contro i 117 censurati ma soprattutto i 178 minuti integrali per il Vol. 2 contro i 123 censurati.

Il risultato è il V.M. 14 per il Vol. 1 e V.M. 18 per il Vol. 2. Negli Stati Uniti i due volumi sono disponibili nella medesima versione censurata, venduti separatamente o in box unico, oppure nell'esclusiva extended director's cut (che sul retro riporta il logo “Not Rated”), che li racchiude entrambi (sempre BD-50).

Qualità video

Due BD-50 venduti separatamente, codifica AVC/MPEG-4 (1920x1080/24p) per un master che deriva da prodotto digitale (2K, Arri Alexa Plus / Canon EOS 5D Mark II, fonte IMDB, ndr).

Una sensibile grana affiora in secondo piano mescolando frame che lasciano un senso digitale e relativo senso di profondità di campo. Palette cromatica con diversa intensità all'interno del racconto e dei due volumi, con diverso livello di saturazione, neri convincenti e ampiezza sfumature grigio nei passaggi in bianco e nero.

Aspect rario tra 2.35:1 e 1.85:1 con alcuni inserti televisivi di inferiore resa. Le scelte artistiche hanno evidentemente condizionato il differente livello di contrasto, luminosità, precisione elementi anche in primo piano.

Analisi del bitrate volume 1 (sx) e volume 2 (dx)
- click per ingrandire -

Qualità audio

Doppia traccia AC-3 5.1 canali italiano e inglese (448 kbps) di dignitosa resa ma sono da privilegiarsi le due DTS-HD Master Audio 5.1 sempre italiano e inglese (core @ 1509 kbps), in quest'ultimo caso si percepisce una maggiore presenza d'insieme anche per gli elementi in secondo piano.

La natura stessa dell'opera, eccetto i passaggi musicali, impegna quasi esclusivamente i tre anteriori, subwoofer nella media.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Extra (SD/HD)

Nel Vol. 1 è presente un'intervista a Charlotte Gainsbourg mentre nel Vol. 2 altre interviste agli attori Stellan Skarsgard, Stacy Martin e Shia Labeouf. Trailer. L'edizione USA vanta ulteriori 20 minuti in più di approfondimenti.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

La pagella secondo CineMan

Film 5
Authoring 6
Video 8
Audio ITA 7
Audio V.O. 7
Extra 6

 

Articoli correlati

Home Video HD: gennaio

Home Video HD: gennaio

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di gennaio. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico. Buona collezione a tutti
Top Vendite HD: novembre 2014

Top Vendite HD: novembre 2014

Classifica dei 10 Blu-ray più venduti nel mese di novembre, una puntuale elaborazione Univideo su dati GFK che racchiude le maggiori vendite in alta risoluzione dello scorso mese
Melancholia

Melancholia

Abbiamo visionato in anteprima a Roma il film di Lars Von Trier, presentato in concorso al 64° Festival di Cannes ed in uscita nelle sale il 21 ottobre su distribuzione BIM. Una collisione tra la Terra e l’enorme pianeta Melancholia sta per segnare la fine della vita nell’universo



Commenti (10)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: marco79 pubblicato il 16 Gennaio 2015, 14:41
La gente qua vuole sapere quando esce da noi la UNCUT, cioè il VERO film!!!!!!
Commento # 2 di: John B pubblicato il 16 Gennaio 2015, 14:47
Questa volta Cineman non ha capito che genere di film stava guardando !!!
Come si fa mettere 5 su questo film ?!?!?!!!?
Commento # 3 di: CineMan pubblicato il 16 Gennaio 2015, 18:52
Questa volta Cineman non ha capito che genere di film stava guardando !!!

JohnB forse non ho capito che genere di film ho guardato, che genere è?
La votazione è inerente a ciò che ho visto, la versione censurata, non quella integrale che in home video al momento non è disponibile in Italia e che forse, dico forse, mi avrebbe fatto desistere dalla stroncatura.
Concordo con marco79, in attesa, speriamo non vana, che CG Home Video editi presto la director's cut.

Grazie del tempo che avete speso per leggere (tutta) la mia recensione.
Commento # 4 di: marco79 pubblicato il 16 Gennaio 2015, 18:55
Io la versione theatrical mi son rifiutato di vederla, amici che l'hanno visto pur dicendo che era bello mi han però detto che si vedevano dei buchi. Non tanto scene spinte tagliate ma proprio di regia/trame. Ergo aspetto sta benedetta versione da 5 ore e mezza
Commento # 5 di: tarax pubblicato il 16 Gennaio 2015, 22:13
di buchi se ne vedono in abbondanza infatti . Comunque anche questa versione cut è ottima, e non è per niente da educande, ovvio però che la versione uncut sarà molto più esplicità e saraà quella che comprerò. Il voto 5 non lo capisco per nulla, ma è gusto personale. Von trier di solito o si ama o si odia, per me già la regia e la fotografia del film vale il prezzo del biglietto.
Commento # 6 di: John B pubblicato il 18 Gennaio 2015, 01:51
Originariamente inviato da: CineMan;4320422
Questa volta Cineman non ha capito che genere di film stava guardando !!!

JohnB forse non ho capito che genere di film ho guardato, che genere è?
La votazione è inerente a ciò che ho visto, la versione censurata, non quella integrale che in home video al momento non è disponibile in Italia e che forse, dico forse, mi avrebbe fatto d..........[CUT]

Questo è un film porno
Hai visto mai un film porno più bello di questo ? Non credo !
Per ciò ... Il voto più giusto sarebbe stato 9.5
Commento # 7 di: luctul pubblicato il 20 Gennaio 2015, 10:29
Giusto per precisare un errore nella recensione: Melancholia c'è anche in blu-ray in Italia....
Commento # 8 di: CineMan pubblicato il 20 Gennaio 2015, 15:06
L'imprecisione è legata al fatto che l'opera, all'epoca in cui venne inviato il prodotto dall'ufficio stampa (fine gennaio 2012), era disponibile UNICAMENTE su DVD. Solo in un secondo momento (novembre 2012) venne distribuito su Blu-ray. A meno di future ristampe entrambi i supporti al momento sono fuori catalogo.
Commento # 9 di: luctul pubblicato il 21 Gennaio 2015, 09:11
il blu-ray di Melancholia è regolarmente acquistabile in rete sui soliti siti ben noti e pure sul sito Bim così come il dvd
Commento # 10 di: CineMan pubblicato il 21 Gennaio 2015, 11:01
Fino a esaurimento, non lo ristampano più per ora