Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Munich

di Alessio Tambone , pubblicato il 15 Settembre 2006 nel canale SOFTWARE

“Steven Spielberg ricostruisce una delle pagine più nere del conflitto tra israeliani e palestinesi. Il commando Settembre Nero alle Olimpiadi di Monaco '72 e la risposta segreta con l'Operazione Ira di Dio. In DVD arriva Munich”

La risposta israeliana

Nei piani dei fedayin (trad. uomini per il sacrificio) reclutati nei campi profughi della Giordania, del Libano e della Siria c’era lo scambio degli ostaggi israeliani con 234 detenuti palestinesi e con i due leader terroristici tedeschi Ulrike Meinhof e Andreas Baader. Il tutto avrebbe dovuto portare all’attenzione del mondo la causa palestinese.


Il primo ministro israeliano Golda Meir sulla copertina del Time (19 Settembre 1969)

Ma la scelta del governo israeliano, rappresentato dal primo ministro Golda Meir, di rifiutare qualsiasi tipo di negoziato e lo stop burocratico dell’azione di una squadra militare israeliana in territorio tedesco fecero precipitare rapidamente la situazione. A nulla servirono inoltre i disperati tentativi di intervento della polizia tedesca, che sfociarono nella confusa sparatoria finale nella quale rimasero uccisi gli ostaggi, cinque rapitori ed un poliziotto tedesco.

Gli eventi accaduti nei giorni seguenti furono davvero discutibili. Mentre i Giochi continuavano, per cercare un ritorno alla normalità, i tre fedayin catturati dalla polizia tedesca furono rilasciati in seguito alla richiesta del gruppo di dirottatori di un volo della Lufthansa. Israele rispose ufficialmente all’attacco quattro giorni dopo, con il bombardamento aereo delle basi dell’Olp situate in Siria e Libano.

Questa però non fu l’unica azione effettuata dal governo. L’istituzione dell’Operazione Ira di Dio portò alla formazione di un piccolo commando di specialisti, che girarono gli Stati europei e mediorientali alla ricerca di undici sospetti operativi del gruppo palestinese Settembre Nero.


Yariv Aharon nel 1972 era a capo dell'Army Intelligence israeliana

Questa contestabile operazione non è stata mai confermata ufficialmente né dal governo israeliano né dal Mossad. Ma recentemente, grazie a diversi libri e documentari che spiegavano con l’ausilio di alcune fonti interne tempi e modalità dell’Operazione Ira di Dio, i due ex generali israeliani Aharon Yariv e Zvi Zamir hanno riconosciuto l’esistenza del commando rispettivamente in un documentario della BBC (1993) e in un’intervista a 60 Minutes (2001).