Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Le cronache di Narnia

di Alessio Tambone , pubblicato il 05 Giugno 2006 nel canale SOFTWARE

“AVMagazine ha analizzato l'edizione speciale a doppio disco del film ispirato al ciclo delle avventure scritte da C. S. Lewis. Un'edizione veramente ricca di extra, per un film che tuttavia ha qualche pecca di troppo”

L'edizione DVD - Gli extra I


La visione del film con la modalità pop-up abilitata

Sul primo disco troviamo prima di tutto i due commenti audio associati al film, sottotitolati in italiano. Nel primo le voci del regista Adamson e dei quattro bambini protagonisti ci guidano attraverso curiosità, battute e scherzi vissuti sul set. L'altro commento è invece un po' più tecnico e per certi versi molto più interessante. Tra gli interessati, oltre al regista, il produttore Mark Johnson e il designer di produzione Roger Ford.

Sempre sul primo disco troviamo Gli errori di Narnia, una simpatica clip di quattro minuti con una carrellata di errori commessi sul set. L'ultimo contenuto extra del primo DVD è una modalità di visione del film leggermente differente, che tramite l'utilizzo di alcune pop-up, presenta allo spettatore in maniera testuale curiosità ed aneddoti sulle creature e sulle terre di Narnia.


Andrew Adamson (il biondo sulla destra...) impegnato nelle 'Cronache di un regista'

Passiamo ora al secondo disco, ricco di clip molto interessanti. Questo DVD è diviso concettualmente in due grandi macro-aree: La creazione di Narnia e Creature, terre e leggende. Nella prima parte troviamo Cronache di un regista, un lungo documentario di 38 minuti nel quale il regista Adamson ci guida alla scoperta del magico mondo di Narnia. Partendo dalla pre-produzione si arriva agli effetti speciali in CG della post-produzione, passando per il casting, le riprese e la creazione dei volumi. Simile è  il documentario Il viaggio magico dei bambini. In questo caso i protagonisti della clip sono i quattro piccoli protagonisti, che narrano i problemi e le sorprese dei duri mesi di lavorazione in Nuova Zelanda. Il documentario dura 26 minuti.