Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

I Fantastici 4

di Alessio Tambone , pubblicato il 09 Dicembre 2005 nel canale SOFTWARE

“Dal 25 Novembre è disponibile in DVD il film I Fantastici 4, tratto dall'omonimo fumetto della Marvel. Ecco la recensione tecnica e artistica di AVMagazine, che ha analizzato un'edizione speciale a due dischi ricca di promesse ad altissimo contenuto tecnico.”

Gli attori e gli effetti speciali

Gli attori principali non si discostano dal giudizio mediocre del film fin qui espresso. Ioan Gruffudd (Mr. Fantastic) insiste con le sue smorfie, ampiamente viste (e allora apprezzate) nella serie tv Le avventure del capitano Hornblower. Passato per il mezzo flop King Arthur, Gruffudd dovrà dimostrare di saper recitare anche con altre espressioni, altrimenti addio alla carriera cinematografica e sicuro ripiego sul piccolo schermo.


 I quattro protagonisti della pellicola

Anche Jessica Alba (la Donna Invisibile) non convince fino in fondo. Al momento c'è troppa concorrenza diretta (su tutte la quasi coetanea Scarlett Johansson) e di attrici belle ma modeste faremmo volentieri a meno. Leggermente superiori Chris Evans (Cellular) nei panni della Torcia Umana e Michael Chiklis (Do not disturb - Non disturbare) in quelli de La Cosa. Quest'ultimo in particolare non si lascia sfuggire l'opportunità di donare un'anima al suo personaggio, stranamente non realizzato in CG. Certo, con un costume di gommapiuma (spesso in alcuni punti anche 15/16 centimetri) più realistico e con dei dialoghi meno stucchevoli... sarebbe stata un'altra "cosa".


Buoni gli effetti speciali in CG
- click per ingradire -

Degni di nota gli effetti speciali realizzati. Come nei vecchi film di Hollywood fiamme, incidenti, capriole e cadute sono state curate dagli stunt o dagli addetti tecnici sul set. A questi effetti classici sono stati uniti effetti realizzati in CG, ricavati tuttavia da riprese reali. Buone quindi le fiamme inerenti La torcia umana e la trasparenza de La donna invisibile. Hanno suscitato invece qualche dubbio gli effetti di Mr. Fantastic, intrappolati spesso in pericolosi giochi di prospettiva.


Pericolosi giochi di prospettiva realizzati per Mr. Fantastic

Da segnalare la scena sul ponte di Brooklyn, girata in 16 giorni in un parcheggio nel centro di Vancouver. La produzione non poteva permettersi infatti di noleggiare il vero ponte o di costruirne uno uguale. E' stata quindi creata una sezione del ponte lunga circa 60 metri, che è stata completamente circondata da pannelli per il bluescreen. Vista l'ampiezza dell'area da coprire per sistemare questi pannelli sono stati addirittura utilizzati dei camion. Poi i tecnici della CG si sono occupati di ricreare un panorama a 360° che è stato sostituito ai pannelli blu. E il risultato è abbastanza convincente.