Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Vallanzasca - Gli angeli del male

di CineMan , pubblicato il 16 Maggio 2011 nel canale SOFTWARE

“Dopo “Romanzo criminale” il regista Michele Placido in una nuova incursione nel crimine italiano”

1985. Renato Vallanzasca è detenuto in isolamento nel carcere di Ariano Irpino. Dalla sua voce il racconto delle prime imprese adolescenziali che gli frutteranno la prima reclusione nel carcere minorile, la morte del fratello maggiore è forse la spinta finale a diventare il fuorilegge poi soprannominato “il boss della Comasina”. La detenzione è durissima, come i ricordi del passato. Gli anni '70 sono conditi con droga, rapine, carcere, violenza senza quartiere nella Milano in cui cresce la sua posizione, non ultimo il confronto con Francis Turatello e lo scontro tra bande che segnerà il tempo degli eventi criminosi della metropoli. Poi la fuga dalla galera, gli assalti alle banche, i rapimenti e la violenza, sempre più gratuita.

I colleghi della banda cadono uno dopo l'altro sotto i colpi delle forze dell'ordine mentre la strada per “il bel Renè” si chiude sempre più all'orizzonte, verso un epilogo fatto di anni dietro le sbarre, a scontare quattro ergastoli con l'accusa di sette omicidi, di cui quattro direttamente compiuti, una settantina di rapine e quattro sequestri di persona. Placido racconta la storia di Vallanzasca con approccio amorale, senza giudizi di sorta, mettendo insieme i pezzi della vita di un uomo che ha scelto il male. Un'opera meno efficace rispetto a “Romanzo criminale”, con la notevole presenza in scena di Kim Rossi Stuart, che per l'occasione ha partecipato alla sceneggiatura imparando dialetto e inflessioni in milanese.

Qualità video

Nettamente da preferirsi il Blu-ray rispetto al DVD, favorendo senza riserve la cinematografia dai toni freddi. Codifica video AVC/MPEG-4, solidità ma anche grana, quella originale della pellicola, apparentemente senza filtri di correzione. Neri convincenti. Formato originale 2.35:1.

Qualità audio

Notevole la resa della traccia DTS lossless 5.1 canali (core @1509 kbps) che offre un notevole risultato d'insieme. Di spessore il fronte anteriore, dinamico, dialoghi intensi e ben contrastati dal centrale. Ci sono passaggi interessanti dai due canali posteriori con sostanza dal subwoofer.

Contenuti extra (in HD)

7 minuti di making of, commento del regista, 7 minuti di scene tagliate ed estese.

La pagella secondo CineMan

Film 7
Authoring 7
Video 9
Audio 9
Extra 7

 

Articoli correlati

Home Video HD: Maggio 2011

Home Video HD: Maggio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Maggio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Locutus2k pubblicato il 17 Maggio 2011, 12:18
Personalmente ho trovato i dialoghi mixati molto male. L'impatto sonoro genrale è ottimo, ma i dialoghi spesso si perdono, con volume più basso e meno dinamica rispetto al resto.
Commento # 2 di: g_andrini pubblicato il 24 Maggio 2011, 03:24
[editato]