Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

A.I. Intelligenza Artificiale

di CineMan , pubblicato il 27 Febbraio 2011 nel canale SOFTWARE

“L'incredibile viaggio di un robot in cerca di sentimenti e amore...oltre la fine dell'umanità. Distribuzione Warner Home Video”

In un futuro in cui la cibernetica è realtà di tutti i giorni, i robot assumono funzione di complemento e sostituto dell'uomo, anche all'interno del nucleo familiare. A causa di un incidente una coppia crede di aver perduto il proprio figlio, caduto in coma. Per lenire il dolore della perdita e, in attesa che si trovi una cura, i coniugi rivolgono le proprie attenzioni a David (H. J. Osment), androide-adolescente capace di proferire emozioni ma che si ritroverà ben presto messo da parte con la guarigione del bambino naturale emulato. Inizia così per David un viaggio lungo migliaia di anni, convinto che solo la Fata Turchina possa trasformarlo in un vero essere umano.

In seguito alla visione di Jurassic Park, Kubrick si rese conto che i tempi tecnologici del CGI erano maturi, contatta Spielberg comunicandogli di volerlo produrre, offrendogli la regia, ma Spielberg risponde proponendosi lui come produttore e lasciando a Kubrick la direzione. In seguito alla scomparsa del maestro, il progetto, nato negli anni '70 e in cui fu coinvolto lo stesso Brian Aldiss, scrittore del racconto cui A.I. s'ispira, ripartì grazie alla moglie di Kubrick, Christiane, che riprese i contatti con Spielberg, il quale nel tempo aveva accumulato bozzetti e idee inviati da Kubrick.

Artisticamente controverso, toccante, pieno di umanità e che non può non far riflettere su scopi e uso della tecnologia. Tra luci e ombre, con una messa in scena difficile e a tratti discutibile rimane, folgorante, la risoluzione/epilogo del racconto, una delle vette più alte mai raggiunte del cinema SF di stampo spielberghiano.

Qualità video

Ricorda la visione in sala nel periodo di prima visione, fondamentale per opere del passato girate in pellicola e ancor più per questa, certo non perfetta ma capace al tempo stesso di rappresentare un passo in avanti rispetto all'edizione SD. Si palesa quasi subito grana mentre, lasciando il beneficio del dubbio su quanto potrebbe avere innescato l'originale cinematografia, constatiamo il formato 1.78:1 contro l'originale 1.85:1, forse per esigenze di emissione broadcast. La palette cromatica è a tratti limitata (forse per presenza di filtri diffusori) mantenendo insperata vivacità per gran parte dell'opera, neri a tratti un po' alti. Codifica video VC-1.

Qualità audio

In parte interessante l'offerta audio con traccia Dolby Digital 5.1 EX a 640 kbps, lieve maggiore spinta dinamica rispetto alla controparte DVD. Tra parlato ed effetti spesso si sente la mancanza di maggiore sostanza e corposità. Migliora l'ascolto con l'originale DTS-HD Master Audio che già in modalità 'core' a 1509 kbps risalta non poco elementi a supporto dei due canali rear.

Contenuti extra

Presenti gli stessi extra (in SD) dell'edizione DVD con documentario, ritratto degli attori, la progettazione di scenografie, costumi, luci ed effetti speciali. La Industrial Light & Magic di Lucas coinvolta nella produzione, sonoro e musica, storyboard, gallerie foto, riflessione di S.Spielberg sulla responsabilità riguardo all'intelligenza artificiale.

La pagella di AV Magazine

Film 8
Authoring 7
Video 8
Audio 7
Audio V.O. 8
Extra 8

 

Articoli correlati

Home Video HD: Febbraio 2011

Home Video HD: Febbraio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Febbraio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti
Home Video HD: Gennaio 2011

Home Video HD: Gennaio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Gennaio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: davidthegray pubblicato il 01 Marzo 2011, 11:44
Mamma mia! Formato originale non rispettato, audio italiano non HD, extra in SD! Possibile che un film di questo livello venga trattato così??
Commento # 2 di: vincent89 pubblicato il 01 Marzo 2011, 11:58
Originariamente inviato da: davidthegray
Mamma mia! Formato originale non rispettato

Mamma mia cosa? Ma dai
Il formato è 1.78 perchè durante l'acquisizione hanno lasciato il mascherino aperto. Questo Warner lo fa su tutti i suoi BD. E in realtà non cambia praticamente niente rispetto al 1.85:1.

L'audio è DD 640k come da tradizione Warner.

Sembra che tu non abbia mai visto un BD della Warner

Gli extra sono in SD perchè sono stati creati in SD (mica è un film recente).

In ogni caso il video è perfetto
Commento # 3 di: amd-novello pubblicato il 01 Marzo 2011, 12:06
Wow che bel film! Ho il dvd e se la differenza è visibile me lo piglio

Cos'è sta cosa della mascherina aperta? Sono curioso
Comunque concordo che la differenza è veramente poca cosa, a differenza di quelle oscenità portate da wide a 4:3 lol
Commento # 4 di: vincent89 pubblicato il 01 Marzo 2011, 12:08
Esiste una discussione di questo film sula sezione BD Ti chiarirà le idee
Commento # 5 di: luctul pubblicato il 02 Marzo 2011, 08:48
al di là di tutto...(come dice vincent c'è una discussione molto esplicativa in merito)non sono affatto d'accordo sulla critica ai neri a tratti un po' alti...anzi io li ho trovati perfetti