Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

C'era una volta in America

di CineMan , pubblicato il 27 Febbraio 2011 nel canale SOFTWARE

“Luci e ombre anche per il testamento cinematografico di uno dei registi italiani più amati di sempre. Warner distribuisce il Blu-ray del capolavoro di Sergio Leone”

Nel quartiere ebraico della New York anni '20 muove i primi passi nella malavita una gang di adolescenti capeggiata da Max (J. Woods) e Noodles (R. De Niro). Tra piccoli furti e ricatti si fanno strada, con Noodles legato sentimentalmente all'aspirante ballerina Deborah (E. McGovern) e anche il primo a finire in carcere per aver accoltellato un poliziotto. Ne esce in pieno proibizionismo, con la banda capeggiata da Max che oramai ha una fetta della città e opera illecitamente su larga scala. Nonostante la vita nell'illegalità, Noodles è poco incline ad accettare la spirale di violenza in cui Max sta coinvolgendo tutti, convinto per contro di poter assalire il furgone portavalori della Federal Reserve. L'operazione fallisce, sul terreno rimangono i corpi della banda, tutti tranne Noodles, convinto che anche Max sia perito nell'impresa.

Capolavoro e ultima sublime testimonianza della potenza registica del grande Sergio Leone. All'epoca nelle sale italiane il biglietto d'ingresso per C'era una volta in America costava 10.000 Lire contro quello tipico che si aggirava intorno alle 5.000/6.000 Lire, aumento giustificato dalla durata di quasi 4 ore della versione integrale che limitava il numero di passaggi giornalieri. Proiettato alla Mostra del Cinema di Venezia fuori concorso, serata il cui incasso venne devoluto alla Croce Rossa, il film da noi vide la luce unicamente nella sua pienezza ma in America il produttore Arnon Milchan, preoccupato per i rischi dell'eccessiva durata del montaggio di Leone, ne 'evirò' quasi la metà, mettendo in circolazione una versione che il regista riuscì a far ritirare dopo una battaglia legale (di questa versione è esistita una versione su VHS, introvabile).

Qualità video

L'edizione Blu-ray di Warner permette per la prima volta di recuperare nella sua totalità l'incredibile impianto scenografico di questo capolavoro, formato immagine 1.78:1 prossimo anche se non identico all'originale 1.85:1. Un peccato che il regista non sia ancora in vita per confermare o smentire il migliore aspect ratio per questa edizione HD in cui non è difficile riscontrare grana. Rispetto al passato il Blu-ray è da preferirsi per la maggiore fedeltà cromatica, neri con un certo spessore anche se a più riprese si riscontra un improprio livello che rischia di compromettere il risultato d'insieme.

Rimane comunque interessante il dettaglio in secondo piano, impossibile con la precedente versione SD. Anche il contrasto ha alti e bassi con passaggi maggiormente soft. Per un'opera di simile portata avrebbe forse giovato un telecinema 4k con restauro colore, senza uso di invasivi filtri di riduzione digitale del rumore, magari separando l'opera su due BD-50 ed encodando in AVC/MPEG-4. Unica via per evitare l'affioramento dei limiti di codifica, inevitabile se la visione avviene su grandi schermi.

Qualità audio

Anche se con maggiore flusso dati rispetto al DVD (448 kbps contro i 640 kbps di questo Blu-ray) il risultato dinamico e la presenza scenica della traccia AC-3 in italiano non se ne discosta più di tanto, con raro ingaggio di sostanza per i due canali rear. Il risultato migliora di poco con l'originale DTS-HD che se non altro favorisce ulteriormente l'accompagnamento musicale della memorabile colonna sonora del maestro Morricone.

Di fatto la nota più dolente per l'audio in italiano, proprio come accadde per il DVD, è l'assenza dell'originale cartello di doppiatori che all'epoca caratterizzò i personaggi, dando ancor più sostanza e vita al racconto. Tra le voci memorabili dell'epoca quelle di Ferruccio Amendola (Noodles – Robert De Niro), Carlo Giuffrè (Capo della polizia – Danny Aiello),  Sergio Fantoni (Max – James Woods) e Leo Gullotta (Frankie McNaldi – Joe Pesci).

Contenuti extra

La scelta di concentrare tutto su un unico disco ha vincolato anche i supplementi col parziale documentario sul maestro Leone e il commento del giornalista e storico del cinema Richard Shickel, purtroppo non sottotitolato in italiano.

La pagella di AV Magazine

Film 10
Authoring 7
Video 7
Audio 6
Audio V.O. 7
Extra 6

 

Articoli correlati

Home Video HD: Febbraio 2011

Home Video HD: Febbraio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Febbraio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti
Home Video HD: Gennaio 2011

Home Video HD: Gennaio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Gennaio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti



Commenti (26)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: alphacygni pubblicato il 28 Febbraio 2011, 08:51
mah...

...continuo a non capire la scelta dell'audio, men che meno adesso che di spazio sui dischi non ce ne e' certo poco: se proprio e' ritenuto indispensabie mettere le tracce in AC3/DTS HD, potevano quantomeno includere anche l'audio originale a qualita' inferiore (ma sostanza ben superiore) come ulteriore traccia e saremmo stati tutti piu' contenti...
Commento # 2 di: nano70 pubblicato il 01 Marzo 2011, 13:11
Lasciai il DVD sugli scaffali proprio per la mancanza del doppiaggio originale, con il grande Ferruccio Amendola. Con molto ma molto rammarico perchè ci speravo, anche il BR rimarrà a prendere polvere.
Commento # 3 di: luctul pubblicato il 02 Marzo 2011, 08:51
strano non si menzioni il crollo nella seconda parte .....
Commento # 4 di: Marco Key pubblicato il 03 Marzo 2011, 09:00
confermo ciò che dice nano70, si tratta del mio film preferito, ma un BD senza telecinema a 4k e senza doppiaggio originale è praticamente inutile.
Commento # 5 di: ezio pubblicato il 04 Marzo 2011, 12:44
Buon BR ma nella seconda parte c'è un calo evidente della qualità video (che rimane buona ma lascia l'amaro in bocca).

Il ridoppiaggio a mio modesto parere è all'altezza del film, anche se ovviamente risentire la voce inarrivabile di Amendola avrebbe avuto un altro effetto.
Commento # 6 di: luctul pubblicato il 04 Marzo 2011, 14:28
Originariamente inviato da: ezio
Buon BR ma nella seconda parte c'è un calo evidente della qualità video (che rimane buona ma lascia l'amaro in bocca).

...

rimane buona?è da vomito francamente....
e poi ancora con sta storia del doppiaggio...(mi riferisco a marco e nano)se volete rivedervi questo film che fate?vi guardate(se l'avete)la vhs?oppure ne fate a meno...non lo rivedrete mai +?cioè per la serie senza ridoppiaggio mi affido alla memoria
Commento # 7 di: TORO60 pubblicato il 04 Marzo 2011, 18:14
Maled......
era un film che apettavo da anni, e son riusciti a rovinarlo.
Le emozioni che ho provato quella volta che l'ho visto al cinema in prima assoluta credo che saranno irripetibili.
L'ho comprato lo stesso ma non si fà così...
Commento # 8 di: kabuby77 pubblicato il 07 Marzo 2011, 11:22
Qualcuno potrebbe spiegarmi il motivo del ridoppiaggio? La versione BR è quella corta?
Commento # 9 di: danmartin pubblicato il 07 Marzo 2011, 12:57
[COLOR=Red]- CUT - ti ha già spiegato tutto, in maniera completa, revenge72[/COLOR]

TORNERA' IL DOPPIAGGIO ORIGINALE!!! EVVIVA!![U]



[/U]http://img34.imageshack.us/i/imagectw.jpg
Commento # 10 di: alfrimpa pubblicato il 07 Marzo 2011, 15:48
Potresti specificare meglio la fonte di questa notizia? Sull'immagine allegata si vede solo un ritaglio di giornale.
Grazie
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »