Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

L'altra donna del Re

di Alessio Tambone , pubblicato il 07 Febbraio 2011 nel canale SOFTWARE

“Eric Bana, Natalie Portman e Scarlett Johansson raccontano intrighi e passioni nella corte di Enrico VIII. Universal distribuisce il Blu-ray del film diretto da Justin Chadwick”

Ennesimo film in costume per Universal, che distribuisce in Blu-ray L'altra donna del Re. Il film, all'epoca (2008) presentato in concorso al 58. Festival di Berlino, rappresenta l'esordio cinematografico di Justin Chadwick, che ha invece all'attivo numerose serie televisive. Il regista inglese ha recentemente diretto The First Grader, dramma biografico ambientato in Kenya non ancora distribuito in Italia. L'altra donna del Re racconta - con numerosi licenze - la storia delle due sorelle Boleyn, famose per essere le amanti del Re d'Inghilterra Enrico VIII e responsabili in parte (almeno Anna) della scissione dalla Chiesa di Roma.

La visione del film è molto piacevole. Merito è della regia dinamica di Chadwick, che gioca con i costanti movimenti della macchina da presa e con la messa a fuoco, lasciando il peso dell'interpretazione a tre talenti del mondo cinematografico: Eric Bana, Natalie Portman e Scarlett Johansson. Se a questo aggiungiamo la storia già romanzata dell'omonimo libro di Philippa Gregory utilizzato per il soggetto e la visibile mano nei costumi di Sandy Powell (3 Oscar per Shakespeare in Love, The Aviator e The Young Victoria) ecco che tutto quadra e i 115 minuti di durata passano via in un lampo.

Qualità video

Universal distribuisce il Blu-ray con codifica video AVC 1080p con aspect ratio 1.85:1. Assolutamente eccellente il lavoro realizzato, che sfrutta ottimamente la sorgente digitale delle riprese. Il film non è stato infatti girato in pellicola ma con le camere Panavision Genesis HD. Le sequenze di apertura nei campi dorati dal sole sono termometro dell'ottima qualità dell'edizione, che a neri profondi, scene pulite e colori volutamente desaturati associa un livello di dettaglio invidiabile che rende la visione di questo film consigliata non solo agli amanti del genere storico.

Qualità audio

Leggeremente inferiore il voto che associamo alla traccia italiana codificata in DTS 5.1 (768 kbps), molto simile tra l'altro alla localizzazione in lingua originale disponibile nel solito DTS-HD Master Audio 5.1. Buono il livello delle registrazioni, che soffrono soltanto di dialoghi un po' inscatolati in brevi passaggi. Presenti anche i flussi posteriori e il canale LFE, utilizzati rispettivamente per creare un minimo di spazialità e per sostenere il galoppare dei cavalli.

Contenuti extra

La grande pecca di questa edizione è l'assoluta mancanza di contenuti speciali, contenuti tra l'altro presenti - e in maniera copiosa - nell'edizione originale. A questo si aggiunge anche l'assenza di scritte nel menù principale del disco, sostituite inspiegabilmente da sole icone, con una grafica tra l'altro anche molto lontana rispetto alla tipologia di film. Un vero peccato!

La pagella secondo Alessio Tambone

Film 7
Authoring 6
Video 9
Audio 7
Audio V.O. 7
Extra -

 

Articoli correlati

Home Video HD: Febbraio 2011

Home Video HD: Febbraio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Febbraio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti
Shakespeare in Love

Shakespeare in Love

Pluripremiato agli Oscar accanto a Salvate il soldato Ryan e La vita è bella, il film diretto da John Madden racconta di un inedito William e della sua musa Viola. Il blu-ray è distribuito da Universal
Verità ad altissima definizione

Verità ad altissima definizione

Oliver Stone, Baz Luhrmann e Michael Mann hanno discusso al recente CES di Las Vegas, in un panel organizzato dalla Panasonic, del valore del blu-ray e dei cambiamenti introdotti dall’adozione di questo formato nella loro maniera di fare film



Commenti