Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Disturbia

di Edoardo Ercoli , pubblicato il 16 Agosto 2009 nel canale SOFTWARE

“L'avvincente thriller di DJ Caruso che precede Eagle Eye arriva in una buona edizione Paramount ricca di contenuti speciali in alta definizione, accompagnato da un'ottima colonna sonora in formato Dolby True HD in inglese (Dolby Digital in italiano) ricca di effetti”

Il film è un thriller di D.J Caruso che ha diretto anche il successivo Eagle Eye. Il protagonista è Shia LaBeouf interpreta Kale Brecht, un ragazzo che ha perso il padre in un terribile incidente stradale e che trascura gli studi vivendo in maniera apatica. Un giorno Kale picchia il suo professore, viene costretto agli arresti domiciliari e deve portare una cavigliera che include un trasmettitore collegato con la polizia. Per ammazzare la noia trascorre il suo tempo osservando con un binocolo le abitudini quotidiane di tutto il vicinato, in particolare di una ragazza di nome Ashley, interpretata da Sarah Roemer. A Kale si unisce anche Ronnie, un suo amico, e così pure Ashley, che nel frattempo si è accorta di essere spiata. Per i tre ragazzi la cosa diventa una sorta di reality show, ed è anche divertente, finché non cominciano a sospettare che il loro vicino Robert Turner abbia a che fare con la misteriosa scomparsa di una ragazza; essi iniziano a seguire Turner controllando ogni momento della sua vita e così il gioco si trasforma in qualcosa molto più grande di loro. 

Nella fase di pre-produzione del film, Steven Spielberg, che aveva notato le capacità di Shia LaBeouf nei suoi ruoli di comparsa, lo ha voluto come protagonista del film, esperienza che poi LaBeouf ha ripetuto con Eagle Eye. Questa è stata la prima volta che il giovane attore ha rivestito quel ruolo. E' impossibile non notare una certa somiglianza tra questa storia e quella del classico di Hitchcock del 1954 La Finestra Sul Cortile, in cui James Stewart, costretto su una sedia a rotelle inizia a spiare il proprio vicino per passare il tempo. Nonostante la trama sia non proprio originalissima, il film di Caruso è ben fatto e riserva numerosi colpi di scena e belle trovate. Certo, nel film di Hitchcock il protagonista aveva solo una macchina fotografica, qui invece ha anche una telecamera, un computer, un cellulare e perfino l'Xbox 360. Il titolo del film è un gioco di parole tra Disturb e Suburbia (periferia).

Qualità Video

Il film è presentato nel sul formato originale 1,85:1 e codificato in AVC MPEG-4; l'immagine è di buona qualità, anche se non possiamo considerarla un riferimento per l'alta definizione. A parte la sequenza iniziale, il resto del film si svolge praticamente tutto di notte o in interno, quindi le scene da codificare non erano facili. Pertanto sembra che siano stati leggermente alzati luminosità, contrasto  e saturazione del colore. Fortunatamente il negativo usato è davvero immacolato, non è presente grana e i particolari sono ben visibili anche nelle scene più buie, senza un innalzamento del livello del nero. Inoltre il dettaglio è molto alto ed è assente completamente l'edge enhancement. Purtroppo per tutto il film sembra esserci una leggera dominante blu, non sono tuttavia presenti artefatti e l'immagine ha una certa profondità.

Qualità Audio

La traccia originale è codificata in Dolby True HD 5.1 , e sotto il profilo audio il risultato è davvero eccellente, soprattutto nel missaggio dei 6 canali. Il fronte posteriore è quasi sempre attivo, con moltissimi effetti , anche la musica si percepisce bene. La traccia italiana in Dolby Digital 5.1 è ottima anche essa, soprattutto spicca in dinamica, con bassi profondi e suoni ad alta frequenza molto precisi; l'unico neo è nei dialoghi, forse un po' troppo bassi e talvolta leggermente offuscati dagli effetti della colonna sonora.

Contenuti speciali

Molto lodevole da parte di Paramount è l'aver inserito i contenuti speciali in full HD. Abbiamo un Making Of di 14 min, dal titolo Makin' of Disturbia , nello standard di questo tipo di contenuti ma con interessanti riprese dietro le quinte; segue il commento audio con il regista D.J. Caruso e gli attori Shia LaBeouf e Sarah Roemer, in cui vengono raccontati molti aneddoti relativi alla produzione, purtroppo è molto veloce e le voci spesso si accavallano, quindi non è facile da seguire; c'è anche una specie di secondo commento dal titolo Serial Pursuit Trivia popup quiz, in cui abbiamo un mix di biografie del cast, note di produzione e aneddoti; seguono 4 scene eliminate , per un totale di 6 minuti, non collegate tra loro, ma utili per approfondire alcuni aspetti psicologici dei personaggi. Vi sono anche 2 minuti di papere sul set anche se non particolarmente divertenti. Infine abbiamo il materiale promozionale del film, tra ci una galleria fotografica di circa 50 foto, il video musicale “Don’t Make Me Wait” dei This World Fair ed il Trailer cinematografico, sempre in HD.

Insomma anche una edizione eccellente almeno sotto il profilo audio e da non disprezzare sotto quello video, in più, sebbene non si tratti di una storia del tutto nuova, il film è comunque avvincente. Da non dimenticare la presenza dei contenuti extra in HD, aspetto al quale Paramount dedica fortunatamente una certa attenzione.

La pagella secondo Edoardo Ercoli

Film 7
Authoring 6
Video 7
Audio ITA 7
Audio V.O. 8
Extra 8

 

Articoli correlati

Eagle Eye

Eagle Eye

Nato da un'idea di Steven Spielberg, Eagle Eye trae ispirazione da un racconto di Isaac Asimov: l'action triller ai limiti della fantascienza viene presentato in un'edizione di qualità, con codifica video in un ottimo AVC e una buona dose di contenuti speciali, anch'essi in HD e con qualità eccellente.



Commenti