Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sky Captain and the world of tomorrow

di Alessio Tambone , pubblicato il 24 Marzo 2005 nel canale SOFTWARE

“Disponibile già da qualche settimana sui nostri scaffali, il DVD di "Sky Captain and the world of tomorrow" viene offerto in edizione con doppio disco ricco di inserti, in modo da aiutarci a scoprire tutti gli effetti speciali che ne hanno reso possibile la realizzazione.”

L'edizione in DVD - qualità audio e video

Nel mercato italiano è presenta un'unica edizione del film in DVD, distribuita da Filmauro in digipack con doppio disco. Il primo DVD contiene il film in formato 16:9 anamorfico (1,78:1) e il commento audio del regista Kerry Conran, coadiuvato da Steve Yamamoto (capoanimatore), Darin Hollings (responsabile degli effetti visivi) e Kevin Conran (scenografo, fratello del regista).

 
menu principale                    selezione audio e titoli                  selezione scene
- click per ingrandire le immagini -

Sul fronte audio è da registrare la presenza delle tracce Dolby Digital 5.1 in italiano ed inglese, entrambe con bitrate di 448 kbit/ al secondo. Sono molto ben fatte e utilizzano i canali posteriori per tutta la durata del film, generando suoni di ambiente e di sostegno per le scene di azione. Esplosioni, inseguimenti, battaglie sono proposte quindi in maniera estremamente coinvolgente grazie anche ad un discreto uso del subwoofer. Unico appunto per il canale centrale: in un paio di scene il volume di alcuni dialoghi è un po' troppo basso rispetto ai canali principali. Nel complesso si tratta di una traccia audio davvero ottima, con una leggera preferenza per quella in lingua originale.


Il bit rate video medio è di 8,22 Mbit/sec
- click per ingrandire -

La mancanza della traccia DTS e la scelta di inserire tutti gli extra nel secondo DVD ha portato ad un eccellente bit rate del film. Il solo video si attesta sul valore medio molto alto di 8.22 Mbit/sec. Il grafico qui in alto è relativo al solo bit rate del flusso video e non a quello complessivo. Questa scelta ha premiato una qualità generale che è molto elevata, soprattutto per la presenza dei classici artefatti di compressioni MPEG2, davvero limitati. Ricordiamo inoltre che tutte le riprese sul set sono state effettuate con le telecamere digitali Sony Cinealta HDW-F9000 a 24p e con risoluzione di 1920x1080 punti.

Al cinema i più integralisti avevano mosso qualche critica alla risoluzione generale del film: la camera Sony HDW-F9000 ha una risoluzione notevolmente inferiore alla pellicola 35mm. D'altra parte la fotografia, piuttosto particolare, cerca di imitare la cinematografia della fine degli anni '30 con evidenti sfocature, colori poco saturi, dominanti cromatiche e gamma elevatissimo. Qui in basso abbiamo inserito tre immagini catturate in momenti differenti del film.


cap.9 - tempo 39' 28"               cap. 10 - tempo 45' 40"             cap. 9 - tempo 39' 50"
- click per ingrandire le immagini -

La prima (cap. 9 - viaggio in Tibet) si riferisce ad alcuni momenti del film in cui viene scelta una evidente dominante cromatica piuttosto calda. Al centro (cap. 10 - la miniera) c'è una leggera dominante verso il ciano (verde e blu). L'immagine più a destra serve solo per sottolineare una scelta per la curva del gamma piuttosto aggressiva con pochissime sfumature alle alte luci e a quelle più basse.


vectorscope 1                            vectorscope 2                             waveform 1
- click per ingrandire le immagini -

L'analisi di queste tre immagini è stata approfondita con vettorscopio e waveform monitor di Adobe Premiere. A sinistra, l'analisi della prima immagine conferma lo spostamento del punto del bianco verso il rosso ed il giallo; al centro viene sottolineata la lieve dominante ciano delle riprese ambientate sulla neve. L'analisi al waveform monitor dell'ultimo fotogramma (a destra) conferma non solo l'aggressività del gamma ma anche una gamma dinamica (differenza tra i pixel più scuri e quelli più chiari) leggermente ridotta: la differenza tra nero e bianco dovrebbe essere di 700mv eqv. Ottimo comunque il nero, praticamente perfetto e senza rumore. In sostanza non si tratta di un DVD da utilizzare per la messa a punto del display o del videoproiettore.