Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Cofanetto Blu-Ray: Il pianeta delle scimmie

di Edoardo Ercoli , Luca Carosi , pubblicato il 30 Novembre 2008 nel canale SOFTWARE

“Uno dei più celebri classici della storia del cinema di fantascienza, vede finalmente la luce in formato Blu-ray Disc, assieme ai 4 successivi sequel, per uno straordinario cofanetto con 5 Blu-ray Disc ricco di contenuti extra e con tutti i film restaurati e presentati nel loro formato originale”

La storia

Nel primo film Il Pianeta delle Scimmie, l’astronauta George Taylor, dopo un atterraggio di fortuna su un pianeta alieno a 700 anni nel futuro, si trova all’improvviso al gradino più basso della scala evolutiva. In questo strano mondo infatti, le scimmie governano mentre gli uomini sono alla stregua di bestie e sono tenuti come schiavi selvaggi. Grazie alla compassione di una coppia di intellettuali scimpanzé, Cornelius (interpreatato da Roddy McDowall) e Zira (Kim Hunter) Taylor ha l’opportunità di sfuggire ai suoi oppressori e di scoprire l'agghiacciante segreto contenuto nello splendido finale a sorpresa che lasciava comunque la porta socchiusa anche ad un seguito.

Sequel che non ha tardato a fare arrivare nel 1970 sugli schermi, col titolo L'altra faccia del Pianeta delle Scimmie. Dei 4 film successivi, il primo è il meno convincente, forse perché tenta sostanzialmente di replicare la storia del primo film. Charlton Heston stavolta ha una parte marginale e anche i personaggi Cornelius e Zira giocano un ruolo secondario. Stavolta è il Dottor Zaius ad avere più spazio di tutti. Il fatto che rispetto agli altri della saga questo film sia per come dire sotto tono, è forse dovuto al fatto che il regista ha iniziato la lavorazione del film dopo alcuni tentativi di sceneggiatura rifiutati, e quindi il risultato è una specie di collage di trame incompiute.

Nel 1971 esce Fuga dal Pianeta Delle Scimmie che invece convince molto più del suo predecessore. McDowall torna ad interpretare Cornelius, Jerry Goldsmith è il compositore della colonna sonora e Frank Capra Jr il produttore. Il pianeta è esploso e Cornelius e Zira, insieme al Dr Milo, vengono catapultati indietro nello spazio e nel tempo al 1973, non molto dopo che l’equipaggio di Taylor avesse lasciato la terra. La situazione sembra rovesciata rispetto al primo film: gli scimpanzé vengono catturati e diventano una sorta di attrazioni da circo. Inoltre cercano di mettere in guardia l’umanità dai rischi di una guerra atomica ma nessuno sembra ascoltarli.

La saga continua nel 1972 con 1999: Conquista della Terra: In questo film sono evidenti le tensioni post-Vietnam per i diritti civili che si respiravano all’epoca in America. La regia è di J.Lee Thompson che ha diretto anche "I cannoni di Navarone". La storia si svolge 18 anni dopo di “Conquista della Terra” e ci presenta Cesare, figlio di Cornelius e Zira, che vive in un futuro in cui le scimmie vengono usate dagli uomini come animali da compagnia, dopo che un'epidemia ha sterminato cani e gatti. A seguito della morte di Armando, proprietario del circo dove si trovavano Cornelius e Zira, avvenuta per proteggere Cesare, quest’ultimo comincia ad organizzare le scimmie in modo che compiano azioni di ribellione, fino a guidarle in una rivolta violenta contro gli umani, come prova che la terra diventerà il pianeta delle scimmie.

L’ultima pellicola , datata 1973, si intitola Anno 2670: Ultimo Atto! , ha un tono più familiare e non raggiunge il livello di epicità delle altre. Tuttavia la storia non è male, ci presenta una Terra post-atomica, con le scimmie che vivono in equilibrio con gli umani, e abitano tra i boschi in quanto le città sono contaminate. Cesare è un capo saggio per le scimmie, ma purtroppo vi sono degli scontri con gli umani superstiti alla guerra atomica. Alla fine il film termina 600 anni dopo di dove è iniziato, scimpanzé e umani convivono in equilibrio e rispetto reciproco, ma la statua di Cesare che lacrima nell’ultima scena è un triste presagio del futuro e di ciò che si verificherà tra più di 1000 anni.