Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

La Cosa e Hulk in Blu-ray Disc

di Edoardo Ercoli , pubblicato il 10 Novembre 2008 nel canale SOFTWARE

“Da Universal arrivano sugli scaffali due nuovi Blu-ray Disc piuttosto interessanti: "Hulk" di Ang Lee e "La Cosa" di John Carpenter, due edizioni caratterizzate da un'ottima qualità audiovideo e ricche in contenuti speciali, già disponibili in edizione HD DVD e che in Blu-ray propongono qualche differenza”

La Cosa di John Carpenter

La base scientifica statunitense "U.S. OUTPOST #31", situata nell’Antartide, diventa teatro di un insolito inseguimento da parte di un gruppo di scienziati norvegesi che tentano di uccidere un cane di razza Husky e tutti i membri della spedizione. La caccia viene forzatamente interrotta, il cane accolto e sistemato in compagnia di suoi simili. Gli Americani, insospettiti dall’evento, decidono di perlustrare la vicina base norvegese ma non vi trovano alcuna forma di vita: solo resti di corpi deformati, straziati ed alcune tracce di ciò che pare essere il ritrovamento di un’astronave aliena e di un suo pilota. Raccolte alcune prove, gli scienziati tornano al campo base per tentare di trovare una plausibile spiegazione all’inquietante vicenda. La mutazione del cane che distrugge tutti gli altri animali e l'uccisione dello stesso con un lanciafiamme, darà inizio ad una serie di analisi ed esami del materiale contaminato a disposizione, il cui esito convaliderà la tesi dell’esistenza de "La Cosa": mutabile, indeterminabile, ineluttabile.

Remake del classico di fantascienza “The Thing from Another World” (di Howard Hawks , 1951), anche il film di Carpenter è ispirato al breve racconto “Who goes there? (Chi va là?)” di John W. Campbell, The Thing - La Cosa" del 1982 viene considerato dallo stesso Carpenter come il primo episodio di una trilogia composta dai successivi "Il Signore del Male" del 1987 e "Il Seme della Follia" del 1995. Nonostante l’analogia della tematica sviluppata, Carpenter si discosta nettamente dalla dinamica proposta da Hawks, che vede la specie umana reagire sinergicamente contro l’invasore alieno.La Cosa, in continua metamorfosi, risulta un’entità che conserva memoria di sé, non identificabile, che penetra nei corpi viventi distruggendoli dall’interno ed assumendone le diverse sembianze, portando i protagonisti del film fino alla paranoia, dovuta all’impossibilità di distinguere ciò che realmente è umano da tutto quello che solamente sembra esserlo.

Crolla la fiducia nell’altro, è vanificata la possibilità di ogni rapporto interpersonale; la disgregazione e la lacerazione della carne riflette quella sociale, il tutto reso attraverso effetti speciali grotteschi e surreali (Rob Bottin), sorretto dalla sceneggiatura di Bill Lancaster e permeato da una visione nichilista della realtà, che trova il suo acme nella disarmante conclusione in cui i due unici superstiti della vicenda attendono impotenti, di fronte ai propri limiti, che in uno di loro LA COSA si manifesti, per porre definitivamente fine alla sua esistenza. Con un incasso di appena 14 milioni di dollari a fronte di un budget a disposizione di 10 milioni ,la creatura carpenteriana non fu accolta dal pubblico con lo stesso entusiasmo riservato all’uscita di una settimana antecedente del film E.T. l’extra-terrestre( con un incasso di 359 milioni di dollari) ,le cui atmosfere più tenere e concilianti furono maggiormente apprezzate, quasi ad esorcismo di insicurezze esistenziali sulla scia dei timori scatenati dallo spettro della Guerra Fredda.