Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: La Bella Addormentata nel Bosco

di Edoardo Ercoli , Luca Carosi , pubblicato il 05 Novembre 2008 nel canale SOFTWARE

“La Bella Addormentata nel Bosco è il primo classico Disney ad approdare nel formato Blu-ray grazie ad un eccellente lavoro di restauro che ripropone il formato originale 2.55:1, dona nuovo splendore ai colori originali e si arricchisce di una valanga di contenuti speciali”

Restauro delle immagini e qualità video


Ecco una scansione di un'ottima copia 35mm, con ricampionamento anamorfico 
- click per ingrandire la scansione originale -

Per questa nuova edizione, la prima volta per una trasposizione in Blu-ray, non è stato usato un master derivante da interpositivi o internegativi, come era invece stato fatto per i precedenti lavori. Per La bella Addormentata i tecnici dello studio Disney sono andati ad acquisire direttamente il fragilissimo negativo in nitrato, scegliendo una risoluzione 4K!. Questo ha consentito di evitare ogni passaggio che facesse perdere definizione consentendo una resa visiva mai ottenuta prima.


Uno screenshot dall'edizione Blu-ray Disc mette in luce lo straordinario lavoro di restauro
- click per ingrandire -

La commissione per il restauro è stata composta scegliendo i migliori professionisti e vedeva al suo interno membri come l’animatore Andreas Deja, da tecnici di ripresa digitale come Joe Juliano, il regista di animazione Dave Bossert ed il grande esperto di formati cinematografici e restauro Theodore Gluck. La commissione ha operato un grande lavoro oltre che sulla pulitura del negativo dai graffi e dagli errori di colorazione, anche sull’eliminazione della grana del negativo nel trasferimento digitale 4K, il cui processo ha restituito un’immagine piacevolissima e ricca comunque di dettaglio.


Ancora un'altra immagine dall'edizione Blu-ray Disc
- click per ingrandire -

L'elevatissimo bitrate della codifica AVC MPEG4 del Blu-ray, rende al meglio giustizia al lavoro effettuato sul recupero del materiale originale. Gazie al recupero dei colori originali della palette Technicolor, il salto di qualità rispetto alla precedente edizione DVD è notevole anche sotto questo aspetto. Inoltre, la cosa forse più sensazionale, è che in molte sequenze - come ad esempio quella iniziale in cui le fate portano i loro doni ad Aurora - i particolari in primo piano risultano in rilievo rispetto ai fondali. Gli sfondi sono ricchissimi di particolari, molti dei quali non erano stati mai visti prima in quanto persi nel processo di stampa positiva su pellicola e nei successivi telecine da positivo per l’edizione video e DVD.