Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: Speed Racer

di Alessio Tambone , pubblicato il 28 Ottobre 2008 nel canale SOFTWARE

“Disponibile dal 23 settembre su distribuzione Warner, Speed Racer e la sua Mach 5 volano verso il mercato home video in alta definizione. I fratelli Wachowski portano al cinema l'animazione classica di Tatsuo Yoshida. Ecco il giudizio di AV Magazine”

Le macchine

La Mach 5 di Speed Racer è una delle macchine più famose mai pensate. Ha linee decise e riconoscibili, che disegnano una forma generale ad M sottolineata anche da una scelta ben precisa dei colori. Queste linee guida sono state seguite per progettare la Mach 5 e, successivamente, per la successiva Mach 6, riportando in ogni caso stile e schema colori di partenza.

Il gruppo di tecnici preposti ha cominciato a lavorare sulle macchine un anno prima dell'inizio delle riprese. In totale sono stati creati oltre 100 progetti per tutte le vetture in pista. Una volta approvati, questi progetti sono stati realizzati digitalmente ed utilizzati nelle scene in CGI. Le uniche macchine costruite realmente e in scala reale sono state la Mach 5 di Speed e la Shooting Star di Racer X, utilizzate in un paio di scene non in movimento. Per questo motivo si è deciso di costruirle soltanto complete di carrozzeria, lasciando il vano motore completamente vuoto.

Il team ha inoltre fabbricato tutti gli abitacoli delle macchine in dimensioni reali, per permettere agli attori di immedesimarsi meglio nella recitazione durante le corse. Il cockpit prevedeva la presenza di volante, pedali per l'acceleratore e il freno e il quadro comandi. Per poterli sballottare in modo sincronizzato con le scene, questi abitacoli sono stati montati su sospensioni idrauliche azionate da un programma di guida virtuale che simulava le dinamiche delle vetture da corsa reali.

Segue : Le piste Pagina successiva