Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: 10.000 AC

di Alessio Tambone , pubblicato il 15 Settembre 2008 nel canale SOFTWARE

“Disponibile per l'home video HD e distribuito da Warner, 10.000 AC narra la personale visione della preistoria di Roland Emmerich, il regista tedesco trasferitosi in America autore del recente film catastrofico The day after tomorrow. Ecco il giudizio artistico e tecnico dell'edizione Blu-ray”

Costruire piramidi in scala

Uno dei risvolti altamente negativi del film è la presenza della grande civiltà - stile Stargate - che costruisce con l'ausilio di schiavi le montagne degli dei, gigantesche piramidi inconcepibili per la tribù del protagonista D'Leh. Tralasciando l'estrema negatività di tale scelta a livello di sceneggiatura, è però interessante soffermarsi alle modalità di realizzazione dei set in questione. La maggior parte delle riprese sono state realizzate utilizzando modelli in scala e la Spydercam, una piccola macchina da presa appesa a dei cavi e controllata a distanza.

Il team ha costruito modellini in miniatura delle piramidi, del palazzo, delle zone in cui vivono gli schiavi e del fiume. Costruito in scala 1:24 a Monaco il set è stato poi trasportato in Namibia via mare in 15 containers e riassemblato: la dimensione totale del modellino era di 100 metri quadrati. La Spydercam ha permesso al regista di simulare le riprese realizzate da un elicottero su un set di dimensioni reali, sfruttando le caratteristiche della camera di programmabilità o di uso in real time. Rispetto a set 3D costruiti in CG, la miniatura ha offerto la possibilità di utilizzare luci reali anche per il modellino e di sfruttare lo splendido sfondo naturale delle dune di sabbia della Namibia.