Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: 10.000 AC

di Alessio Tambone , pubblicato il 15 Settembre 2008 nel canale SOFTWARE

“Disponibile per l'home video HD e distribuito da Warner, 10.000 AC narra la personale visione della preistoria di Roland Emmerich, il regista tedesco trasferitosi in America autore del recente film catastrofico The day after tomorrow. Ecco il giudizio artistico e tecnico dell'edizione Blu-ray”

Sceneggiatura e cast

Iniziare l'analisi di 10.000 AC dalla sceneggiatura è un duro colpo. Lo script del film, scritto dallo stesso regista Emmerich insieme con l'esordiente Harald Kloser, è infatti uno dei mali maggiori della pellicola. La vicenda pesca a piene mani da prodotti più o meno recenti: Stargate, Apocalypto, 300, La guerra del fuoco, inserendo qua e là richiami di dubbia utilità e di scarso interesse. Alla fine lo script non attira lo spettatore, che anzi si meraviglia (negativamente) in più di una occasione durante la visione vedendo quale piega prendono le situazioni sullo schermo.

Per non parlare di un minimo di attinenza storica, praticamente assente in tutta la durata del film. Anche se in questo caso lo sceneggiatore Kloser nelle sue interviste non ha mai nascosto l'intenzione primaria che ha guidato la stesura dello script. "Roland ed io non abbiamo mai pensato a 10.000 AC come a un documentario”, afferma proprio Kloser. “Ma alla grande avventura del genere umano nel suo viaggio verso l’ignoto e in rapporto a quelle forze che non sa spiegarsi. Ci è piaciuta l’idea di allargare al massimo i confini”. Ok, lodevole comunque l'idea, ma francamente quello che hanno combinato è troppo...

Non aiuta neanche il cast, che con una recitazione piatta e altamente inverosimile dipinge dei personaggi senza mordente e senza fascino. Leggermente sopra gli altri Cliff Curtis nei panni di Tic'Tic, che oscura l'opaca prova del protagonista Steven Strait (D'Leh). Un piccolo appunto infine sulla bellezza disarmante (in parte posticcia) di Camilla Belle nel ruolo primario femminile di Evolet, con qualche dubbio sulle capacità artistiche della giovanissima attrice californiana. Un flash brevissimo sul doppiaggio italiano, non proprio eccellente.