Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: La leggenda di Beowulf

di Alessio Tambone , pubblicato il 07 Aprile 2008 nel canale SOFTWARE

“Distribuito da Warner Home Video arriva in Italia La leggenda di Beowulf. Robert Zemeckis riporta in vita con il Performance Capture il valoroso guerriero. Tra le varie edizioni in commercio AV Magazine ha analizzato il disco Blu-ray. Ecco il nostro giudizio”

EOG: la nuova rivoluzione

Della tecnica Performance Capture alla base di questo film abbiamo già parlato nella recensione di Polar Express, lavoro realizzato dallo stesso regista Zemeckis. Reputiamo quindi inutile ribadire i concetti teorici alla base della tecnica, invitando chi non ricordasse le nozioni o non avesse letto l'articolo a rileggere quelle pagine a questo indirizzo.

Per La leggenda di Beowulf parliamo invece del sistema EOG, la nuova incredibile rivoluzione che è andata ad integrare il Performance Capture. Uno dei limiti delle vecchie sessioni di registrazione era l'impossibilità di catturare i movimenti dell'occhio degli attori. Parliamoci chiaramente: un limite che fino a qualche tempo fa non sarebbe stato preso per niente in considerazione. I ragazzi di Hollywood però non si fanno mancare niente e hanno lavorato anche in questo senso.

Sono stati realizzati così degli elettrodi in grado di registrare effettivamente le pulsioni muscolari emesse dall'occhio e dalle ciglia degli attori. Ogni componente del cast ha dovuto quindi indossare, oltre alla tuta del Performance Capture, anche 8 elettrodi per occhio collegati via bluetooth con il sistema principale. In questo modo i tecnici sono riusciti a catturare anche movimenti difficilmente registrabili o riproducibili manualmente. E i risultati durante la visione del film ci hanno veramente stupito.