Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blu-ray: La leggenda di Beowulf

di Alessio Tambone , pubblicato il 07 Aprile 2008 nel canale SOFTWARE

“Distribuito da Warner Home Video arriva in Italia La leggenda di Beowulf. Robert Zemeckis riporta in vita con il Performance Capture il valoroso guerriero. Tra le varie edizioni in commercio AV Magazine ha analizzato il disco Blu-ray. Ecco il nostro giudizio”

Gli attori principali

Nella scelta del cast la produzione ha dato molta importanza all'esperienza sui set cinematografici o teatrali degli attori. Questo per sfruttare al meglio una delle caratteristiche rivoluzionarie del Performance Capture. Grazie a questa tecnica è possibile infatti riprendere le scene disinteressandosi completamente delle inquadrature previste o delle limitazioni dovute all'illuminazione. Questo perché le camere che riprendono il set registrano unicamente la posizione in uno spazio tridimensionale dei marker, e di conseguenza degli attori. Questi dati successivamente possono essere utilizzati per un campo lungo o un primo piano, per una ripresa statica o in movimento. E' indifferente. Solo in post-produzione si affrontano questi problemi, insieme all'illuminazione della scena.

In questo caso è importante quindi avere degli attori che riescano automaticamente a stabilire il ritmo delle scene, girate in sequenza e senza troppe interruzioni. La troupe di Zemeckis è così riuscita addirittura a girare una scena lunga 15 minuti o a filmare cinque pagine di copione in soli due ciak. Un ritmo impensabile e insostenibile con riprese standard. Tutti gli attori hanno dato grande prova di abilità, riuscendosi a calare abilmente nelle tutine un po' scomode del Performance Capture. Consigliamo inoltre la visione del film in lingua originale, per apprezzare la cadenza cantilenante di tutto il cast (su suggerimento di Hopkins) e l'accento gallese come simbolo di lingua antica come l'origine del poema.