Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sistema Micro Sony CMT-DH5BT

di Gian Luca Di Felice , pubblicato il 18 Dicembre 2007 nel canale ACCESSORI

“Il piccolo sistema Sony, alle classiche funzionalità da compatto di rango aggiunge funzioni innovative: lettore CD, DVD, MP3 e DivX, sinto FM e AM, porta USB per la riproduzione di file musicali e connessione Bluetooth, per il collegamento wireless con sorgenti audio compatibili”

Ascolto e visione

Il CMT-DH5BT è dotato di un'amplificazione digitale S-Master con dichiarati 50W (su 6Ohm) per canale in grado di sonorizzare egregiamente una stanza di medie dimensioni (insomma, non vi aspettate impatti da discoteca) ed è dotato di una discreta dinamica e tenuta in potenza. La risposta in frequenza è tendenzialmente spostata verso i medio-alti e potete porre in parte rimedio abilitando l'equalizzazione ei bassi  DSGX (Dynamic Sound Generator X-tra), mentre la scena sonora viene riprodotta correttamente anche se non brilla particolarmente in termini di profondità. La visione dei film in DVD è più che gradevole e il CMT-DH5BT si è dimostrato una valida alternativa alla riproduzione con i diffusori del televisore. peccato non sia presente un'uscita subwoofer). Per quanto riguarda la qualità delle immagini riprodotte, l'uscita component è ben definita e nitida e anche il deinterlaccio non presenta particolari problemi. Vorrei comunque sottolineare che l'unità di riproduzione e l'elettronica sono da confrontare con quella di lettori entry-level. Inoltre non sono disponibili alcun tipo di elaborazioni come l'upscaling. La risoluzione massima di uscita sarà comunque quella nativa del DVD riprodotto (720x480 oppure 720x576).

Per quanto riguarda la riproduzione dei file audio compressi, sia da supporto che via USB, la qualità dipenderà come al solito essenzialmente dal bitrate di codifica scelto, ma la decodifica non ha mai presentato problemi e vi consigliamo unicamente di non esagerare con il volume di riproduzione, visto che solitamente gli MP3 tendono ad essere meno precisi sui bassi. L'ultima prova ha riguardato la riproduzione in streaming Bluetooth e in questo caso dobbiamo notare un sensibile peggioramento rispetto all'originale (di qualsiasi natura esso sia, compresso o meno) soprattutto in termini di risposta in frequenza e pulizia generale. Inoltre è sempre presente un leggerissimo fruscio di sottofondo. Probabilmente tutto ciò è dovuto ad un algoritmo di compressione che consente di rendere affidabile lo streaming ma che inevitabilmente "colora" l'originale. Sia ben chiaro che il mio è un punto di vista da audiofilo e senza confronto con l'originale l'ascolto è assolutamente piacevole, senza dimenticare che la qualità sarà sempre superiore alla stragrande maggioranza di minidiffusori amplificati collegati direttamente a cellulare e compuetr. Un ultimo accenno alla portata: siamo riusciti a spostarci anche fino ad una trentina di metri senza mai perdere il segnale.

Segue : Conclusioni Pagina successiva