Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung Galaxy S8

di Emidio Frattaroli , Franco Baiocchi , pubblicato il 12 Ottobre 2017 nel canale MOBILE

“Il nuovo Samsung Galaxy S8 è uno smartphone che ci è piaciuto sotto molti punti di vista, per il design particolarmente riuscito, la costruzione robusta con finiture e materiali eccellenti, un'ottima fotocamere, comparto audio da sorgente high end e un display HDR spettacolare che può rivaleggiare con i migliori TV premium sul mercato”

Display Benchmark

 
 - click per ingrandire -

Nell'analisi dei display di smartphone e tablet abbiamo deciso di utilizzare - come sempre - segnali test con APL al 50% (Average Picture Level - livello medio dell'immagine) e con area dello schermo utile per le rilevazioni pari al 25%. In queste condizioni e in modalità predefinita "Schermo adattativo", il Samsung Galaxy S8 supera di misura i 500 NIT, raggiungendo di fatto i migliori display LCD ma con un rapporto di contrasto in linea con i migliori prodotti dotati di tecnologia OLED. Diminuendo l'area del segnale al 2% e con sfondo totalmente nero (quindi con APL al 2%) si arriva ad 846 NIT, purché il sensore di luminosità che è vicino all'auricolare sia adeguatamente "sollecitato". 

 
 - click per ingrandire -

Le impostazioni predefinite sono quattro: oltre a "Schermo adattativo" - che permette di calibrare anche il bilanciamento del bianco - abbiamo "Cinema AMOLED", "Foto AMOLED", e "Di base". Le differenze di luminanza tra le quattro modalità sono minime; nelle impostazioni "Di base" ad esempio scendiamo a 488 NIT. Tra le varie modalità ci sono differenze sul bilanciamento del bianco, sul gamma ma soprattutto sulla riproduzione dei colori. La modalità "Di base" è quella da preferire per l'uso di tutti i giorni; in queste condizioni abbiamo prestazioni molto simili a quelle di un display in alta definizione di fascia molto alta, sia per il bilanciamento del bianco che per la precisione dei colori primari e secondari a varie saturazioni, come potrete osservare nei tre grafici con gamut a confronto in fondo alla pagina.

 
 - click per ingrandire -

La modalità "Di base" è anche quella col miglior bilanciamento del bianco, caratterizzato da un "Delta E uv" estremamente contenuto per quasi tutti i gradini della scala dei grigi. Qualche imprecisione la troviamo solo dal 20% a scendere anche se, la bassa luminanza di questi due livelli e le condizioni di illuminazione a cui si trova di solito a funzionare uno smartphone, permettono di considerare il "Delta E uv" ancora accettabile. In ogni modo, benché il riferimenti assoluto rimanga ancora il Lumia 950, il Galaxy S8 è quasi coincidente per buona parte della scala dei grigi.


 - click per ingrandire -

Visto che abbiamo a che fare con uno schermo AMOLED, abbiamo verificato anche cosa succede variando la luminanza manualmente, partendo dai 500 NIT disponibili alla massima potenza e scendendo progressivamente fino a 100 NIT, sempre con APL al 50% e con area utile al 25%. La curva gialla si riferisce alla luminanza massima di 100 NIT. Aumentando la potenza, il gamma cresce proporzionalmente (in arancio con luminanza di 300 NIT), impennandosi man mano che ci si avvicina al picco di luminanza (curva rossa 500 NIT). La cosa più importante è che al di sotto del 50% del segnale in ingresso i valori del gamma rimangono abbastanza in linea con il riferimento - quindi ancora bassi - garantendo un adeguato livello di luminanza generale, per immagini ben leggibili in ogni condizione. Variando la potenza luminosa cambia leggermente anche il bilanciamento del bianco ma in maniera davvero poco significativa e mantenendo sempre prestazioni molto buone.

  
 - click per ingrandire -

Qui in alto invece abbiamo messo a confronto tre modalità delle quattro disponibili che sono, lo ricordiamo: "Di base", "Foto AMOLED", "Cinema AMOLED", "Adattativo". A sinistra possiamo osservare le prestazioni della modalità "Di base" che è la migliore in assoluto per la riproduzione dei contenuti in alta definizione (REC BT.709) e in sRGB, sia per dimensioni e precisione del triangolo di gamut, sia per correttezza dei vari colori a saturazione intermedia; segnaliamo solo qualche imprecisione nella saturazione del "blu" e del "rossi" e qualche leggera sovra-saturazione dei colori complementari "giallo" e "ciano", accompagnati da qualche piccolo deficit nella luminanza. Si tratta comunque di prestazioni che sono superiori anche a molti TV di categoria "premium". La modalità "Cinema AMOLED" è praticamente coincidente al gamut DCI-P3, con saturazioni che presentano errori - comunque minimali - quasi esclusivamente per il "verde". La modalità "Foto AMOLED" si avvicina di più al gamut Adobe RGB e che abbiamo confrontato con il gamut di riferimento per il DCI-P3.

Il nuovo Galaxy S8 da pochi giorni è anche compatibile con lo streaming via Youtube di contenuti HDR. Abbiamo effettuato già alcune misure per verificare non soltanto la compatibilità ma anche per verificarne le prestazioni in HDR (bilanciamento, gamma e gamut) ma abbiamo deciso di approfondire l'analisi per presentarvi i risultati in un articolo dedicato.

Maggiori informazioni sull'esecuzione dei nostri Display benchmark sono disponibili al seguente indirizzo:

Display benchmark: www.avmagazine.it/articoli/mobile/818