Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Ulefone Be Pro 2

di Emidio Frattaroli , Franco Baiocchi , pubblicato il 11 Gennaio 2016 nel canale MOBILE

“Il Be Pro 2 è uno smartphone dual SIM con schermo da 5,5 pollici, SoC quadcore da 1GHz, 2GB RAM, 16GB ROM e un prezzo che lo iscrive alla fascia molto bassa di smartphone, ma che può tranquillamente essere annoverato a fianco di terminali dal prezzo nettamente superiore.”

Audio Benchmark

Potenza d'uscita

La potenza d'uscita del Be Pro 2 è molto elevata ed è più che sufficiente in un ampio range di impedenza, poiché è capace di superare ampiamente il milliwatt già con 600 ohm di carico resistivo e ben 8 milliwatt con 30 ohm. In realtà questi valori (grafico verde) si riferiscono con il volume al massimo e con una distorsione molto elevata, superiore al 5%. Abbassando il volume di uno step (grafico blu), la pressione sonora scende di circa 2,5 dB ma la distorsione arriva a livelli bassissimi, in linea con i migliori smartphone. Per questo motivo abbiamo preso come riferimento per i benchmark proprio questa impostazione, con il controllo volume diminuito di uno step. Il grafico viola si riferisce invece alla potenza erogata con il controllo volume a -4 step, quindi con circa 8,6 dB in meno rispetto alla massima potenza ma con THD bassissima e in linea con quella rilevata ad 1 mW di potenza in uscita. Nel menu "impostazioni/Audio e notifiche/Ottimizzazione suono", attivando la funzione "BesAudEnh", la gestione del controllo volume cambia e gli step sono di circa 1 dB in più rispetto alle condizioni standard.

Per quanto riguarda il benchmark per la potenza d'uscita, con controllo volume diminuito di uno step, il Be Pro 2 si posiziona nei primissimi posti della classifica, sia con carichi di riferimento di 30 ohm ma ancora di più con quelli di 250 ohm. 

 

Risposta in frequenza

Il grafico della risposta in frequenza dell'Ulefone Be Pro 2 è esemplare ed è secondo soltanto al nostro attuale riferimento: il Samsung Galaxy S6.

Lo smartphone Ulefone è indubbiamente tra i primi della classe, sia per la regolarità della risposta in frequenza ma soprattutto per l'estensione, con il Galaxy S6 edge che rimane a distanza siderale soltanto per quanto riguarda l'estensione.

 

Distorsione armonica totale + rumore

 
- click per ingrandire -

L'andamento della distorsione + rumore in funzione della frequenza mostra una prestazione eccellente e pone il Be Pro 2 sul gradino più alto della classifica ma solo quando il volume non è troppo elevato, con erogazione fino a circa 6,5 dB in meno rispetto alla massima potenza. Alzando il volume, la distorsione cresce gradualmente, anche ai bassi livelli. Alla massima potenza la distorsione è molto elevata.

 

Rapporto S/N e dinamica

Ill Be Pro 2 sale in cattedra anche sul rapporto segnale/disturbo e sulla gamma dinamica. Approfittiamo anche per una nota che riguarda il valore registrato dal Nexus 6 nel rapporto S/N: in questo caso, la distanza dal valore di gamma dinamica (pari a 82 dB) suggerisce lo spegnimento dell'uscita in asenza di segnale, quindi non è da prendere in considerazione.

 

Sbilanciamento e diafonia

Per quanto riguarda la diafonia, ovvero la separazione tra i due canali, e lo sbilanciamento tra i due canali (differenza di livello di uscita tra il canale sinistro e quello destro) il Be Pro 2 continua a fornire prestazioni impensabili per un prodotto di fascia bassa (100 Euro).

 

Viva-voce

 
- click per ingrandire -

Per finire, per quanto riguarda l'analisi dell'altoparlante integrato per il viva-voce, sviluppato in collaborazione con Gian Piero Matarazzo, c'è bisogno di un approfondimento. Le prestazioni sono indiscutibilmente più indietro rispetto ai pochi terminali misurati fino ad oggi. tuttavia, il terminale viene penalizzato soprattutto per la scarsa pressione sulla gamma bassa e su quella più alta mentre nelle gamme di frequenza medie (quelle più significative), la pressione misurata è più che sufficiente. Ricordiamo anche che, nella tabella relativa al benchmark, abbiamo preso come riferimento soltanto quattro bande di frequenza: 250Hz, 1kHz, 4kHz e 10kHz. Il risultato finale è la media dei livelli alle quattro frequenze di riferimento.

Maggiori informazioni sull'esecuzione dei nostri Audio benchmark sono disponibili al seguente indirizzo:

Audio benchmark: www.avmagazine.it/articoli/mobile/819