Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

HTC Desire 626

di Emidio Frattaroli , Franco Baiocchi , pubblicato il 11 Novembre 2015 nel canale MOBILE

“Esponente della fascia media, il Desire 626 di HTC strizza l'occhio alla fascia medio-alta per la qualità delle finiture, dei materiali, per l'ottimizzazione del software e per prestazioni audio che, in alcuni aspetti, sfidano la fascia più alta del mercato”

Conclusioni e pagella


- click per ingrandire -

Prima di avviarci alle conclusioni, approfittiamo per dare qualche indicazione sui tempi di ricarica e sull'autonomia. L'alimentatore in dotazione è in grado di erogare circa 1.200 mAh con una tensione di 5V ma lo smartphone ne utilizza soltanto 3/4, per un totale di circa 900 mAh; che sia spento oppure acceso la corrente assorbita non cambia. Il tempo totale di ricarica è leggermente superiore alle due ore con telefono spento; con telefono acceso dipende dall'utilizzo. Per quanto riguarda l'autonomia, senza troppe applicazioni installate e con solo il WiFi attivo, se lasciato in stand-by il terminale può rimanere acceso per molti giorni. Dopo più di cinque giorni, l'accumulatore interno aveva ancora il 65% di carica residua. Con un utilizzo normale (chiamate, web surfing, whatsapp e compagnia), l'autonomia è più che sufficiente per arrivare a fine giornata con più del 30% di carica residua.

  
- click per ingrandire -

Nelle due settimane di utilizzo quotidiano, il giudizio è positivo, soprattutto per l'ottimizzazione del software, la prontezza delle funzioni e la fluidità generale, nonostante le prestazioni native del SoC siano modeste, come rilevato nei test di laboratorio. Il display non è tra i più luminosi fin qui misurati, d'altra parte il buon trattamento antirilfesso e la luminanza di cui è capace, permettono buona visibilità anche in piena luce. La visione in ambienti oscurati e con contenuti di qualità, mostrano i due veri punti deboli del display: un rapporto di contrasto basso in assoluto e un bilanciamento del bianco freddo, che non permette neanche la calibrazione manuale.

L'audio è di qualità molto buona, sia da parte dell'auricolare integrato, sia per l'uscita cuffie che ha molti aspetti positivi, come la linearità e l'estensione in frequenza, distorsioni contenute e una diafonia quasi da record. La potenza a disposizione non è molto elevata: basta scegliere una cuffia con impedenza bassa, almeno pari a 30 ohm anche se consigliamo di scendere ulteriormente. Esponente della fascia media, il Desire 626 di HTC strizza l'occhio alla fascia medio-alta per la qualità delle finiture, dei materiali e per l'ottimizzazione del software. La sezione hardware però non è all'altezza, soprattutto per quanto riguarda il display e il SoC utilizzato. Per questo motivo il nostro giudizio sul rapporto qualità/presso è solo sufficiente.

Per maggiori informazioni: www.htc.com/it/smartphones/htc-desire-626

La pagella secondo la redazione di AV Magazine: voto medio 6,5

Dotazione 6,0
Costruzione 7,0
Ergonomia 7,0
Prestazioni 5,0
Audio 7,0
Display 6,5
Autonomia 7,5
Rapporto Q/P 6,0

 

 

Articoli correlati

Microsoft Lumia 640 XL

Microsoft Lumia 640 XL

Con meno di 200 Euro, Microsoft ha creato un piccolo miracolo, con qualità dell'audio e del display che superano di gran lunga alcuni concorrenti dal costo più che quadruplo, il tutto con un sistema operativo che riesce a far girare velocemente un hardware che notoriamente non brilla per le sue prestazioni
Lab: Samsung Galaxy S6 edge

Lab: Samsung Galaxy S6 edge

Test approfondito del Samsung Galaxy s6, nella versionel edge con 64GB di memoria, display AMOLED "dual edge" con diagonale da 5.1 pollici, risoluzione di 2560x1440 punti, processore Octacore Exynos 7420 e memoria RAM da 3Gb con tecnologia LPDDR4



Commenti