Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Preview Flir One Android e iOS

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 01 Aprile 2015 nel canale MOBILE

“In occasione di Showstoppers, a margine del Mobile World Congress 2015, abbiamo potuto testare un nuovo prodotto per l'analisi della temperatura dell'americana Flir, dedicato al settore consumer ma dotato di un eccellente rapporto qualità prezzo”

Menu e Hands-on


- click per ingrandire -

Abbiamo effettuato il test esclusivamente per la versione iOS, la sola disponibile in occasione di Showstoppers e sarà anche la prima ad arrivare sul mercato, con quella per Android che dovrebbe seguire a breve. Nonostante si tratti di una versione non definitiva anche nel software, abbiamo verificato una elevata stabilità del sistema, collegando e scollegando la termocamera senza alcun problema, con l'app che riparte velocemente e senza esitazioni.


- click per ingrandire -

Il menu di controllo è piuttosto semplice; è possibile segliere l'unità di misura tra Celsius e Farenheit, il tipo di superficie da analizzare e la possibilità di salvare in automatico le immagini e/o la posizione GPS di ogni scatto. C'è anche una libreria dei contenuti personalizzata che può essere ordinata per data e in cui vengono raccolti gli scatti e i video "termici" che sono stati effettuati. Il funzionamento si è rivelato semplice e intuitivo, con immagini chiare e ben definite grazie alla funzione MSX che utilizza la risoluzione VGA della camera "visibile" per aumentare vurtualmente la risoluzione della termocamera che, lo ricordiamo, ha una risoluzione di 80x60 pixel, più che sufficienti per la stragrande maggioranza delle applicazioni.

 
A sinistra Flir C2; a destra Flir One Android
- click per ingrandire -

Grazie alla disponiblità di FLIR abbiamo anche tentato di verificare l'incertezza di misura della nuova termocamera One iOs, verificando una zona ben precisa di uno smartphone LG G3, dopo aver rimosso la cover posteriore e con in funzione la registrazione di video a risoluzione 4K, in modo da "scaldare" per bene la zona della CPU. La misura della temperatura è molto vicina sia alle nostre rilevazioni in laboratorio, sia a quelle di una termocamera C2 utilizzata come verifica. Lo scarto, nella peggiore delle occasioni, è stato di appena 2,7° Celsius, pari a circa il 4% rispetto ad dato rilevato da Flir One iOS. Una incertezza di misura contenuta e che pone la nuova termocamera su un gradino nettamente superiore rispetto ad un giocattolo.

Il nuovo FLIR One per iOS dovrebbe arrivare entro il prossimo Giugno ad un prezzo che non è stato ancora comunicato ma che dovrebbe essere allineato a quello del "vecchio" FLIR One per iPhone 5 e iPhone 5S e che è ancora in vendita, quindi entro i 400 Euro IVA inclusa. Per maggiori informazioni: www.flir.com/FLIRONE

 



Commenti