Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sony PlayStation 3 - seconda parte

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 25 Marzo 2007 nel canale GAMING

“In questa seconda parte dell'analisi condotta sulla nuova PlayStation 3, l'attenzione viene concentrata sui principali aspetti legati alla qualità audio e video della nuova console Sony, sia come riproduttore Blu-ray Disc, sia come centro di intrattenimento multimediale”

Analisi qualità video: descrizione del sistema II


Il Toshiba HD-XE1 e la PS3 con le rispettive edizioni di Training Day in VC-1
- click per ingrandire -

Per la comparazione tra la qualità video della PlayStation 3 e quella del lettore Toshiba XE1, abbiamo utilizzato rispettivamente le due edizioni di Training Day in Blu-ray Disc e HD DVD, entrambe con codifica VC-1, telecine al di sopra di ogni sospetto e qualità generale elevatissima. Per quanto riguarda lo shoot-out effettuato con i due videoproiettori Sharp XV-Z21000, vista la cronica carenza di una coppia di schermi perfettamente identici e adeguati alle necessità del momento, abbiamo deciso di proiettare su una parete perfettamente rasata, intonacata e dipinta con tintura il cui "bianco" è stato verificato con adeguati strumenti di misura.


Immagini test per il controllo del gamma sulle basse luci, prima e dopo la taratura
- click per ingrandire -

Inoltre per i due videoproiettori Sharp, di cui vi parleremo molto presto in un test più approfondito, abbiamo scelto di utilizzare la lampada  in modalità ridotta e con i due diaframmi nella posizione di massimo contrasto. Per il gamma abbiamo scelto due curve con esponente piuttosto basso (circa 1.9) in modo da esaltare la visione dei particolari sulle basse luci (grana, rumore, solarizzazioni e artefatti). Per il bilanciamento del bianco abbiamo dovuto tarare i due proiettori manualmente utilizzando un colorimetro, poiché non siamo riusciti a trovare tra le impostazioni predefinite un punto in cui le coordinate cromatichedei due proiettori fossero a distanza accettabile. Un aspetto che non mancheremo di sottolineare e approfondire molto presto.

Per le connessioni HDMI abbiamo utilizzato cavi G&BL di qualità media e alta, con lunghezze comprese tra 5 metri e 6 metri, passando anche attraverso switch e splitter senza che si verificasse alcun problema. Quando abbiamo utilizzato il proiettore BenQ, abbiamo collegato il segnale HDMI attraverso un cavo Thender da ben 15 metri e anche in questo caso non abbiamo rilevato il ben che minimo problema. Per l'analisi della qualità del segnale component, è stato utilizzato un cavo Madcatz (foto in alto) da circa 3 metri collegato sempre al BenQ W10000.

Prima di andare avanti vogliamo precisare che le immagini che vedrete, scattate durante lo shoot-out, sono puramente indicative e non possono essere utilizzate come elemento caratterizzante della qualità video dei vari prodotti che sono stati utilizzati. Durante l'acquisizione digitale, le variabili che intervengono nella composizione dell'immagine finale (ad iniziare dalla qualità stessa della fotocamera, risoluzione, ricampionamento e artefatti di compressione JPEG) sono troppo elevate e si sommano inoltre alla taratura del display e alle condizioni ambientali in cui leggerete questo articolo. Per la cronaca, nelle immagini che seguiranno, la PS3 è sempre a destra.