Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Mortal Kombat X

di CineMan , pubblicato il 29 Maggio 2015 nel canale GAMING

“Sanguinoso picchiaduro versatile e adrenalinico, ultimo tassello di un franchise senza tempo. Distribuzione Warner Bros Interactive, con alcune riserve sul comparto audio/video”

Gameplay

Modalità storia

Poco meno di 36 Gb di spazio occupato, un grado di immersione che comunque non manca di sorprendere per versatilità dal momento che oltre ai combattimenti singoli è disponibile una modalità storia in cui seguire i combattenti del pianeta Terra all'interno di un'avventura che li vede continuamente a confronto con guerrieri di altri mondi. Trama piuttosto lineare dove non si può scegliere la fazione per cui combattere, senza alternative all'interno del racconto, per alcune buone ore di intrattenimento a tutta adrenalina.

Inoltre nel caso in cui non si riesca facilmente a vincere sull'avversario si può proseguire il racconto bypassando lo scontro. Il doppiaggio mantiene un certo livello qualitativo con voci interessanti e alcuni (in)evitabili lip sync legati alla traduzione dei dialoghi in italiano.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Gameplay

Presenti come sempre i canonici scontri a due tempi più un eventuale terzo in caso di spareggio. Un'apposita barra divisa in tre parti che si carica nel corso del match, nella parte bassa dello schermo, dona al nostro personaggio potenzialità una tantum sfruttabili in parte o in toto per aumentare i danni all'avversario. Quando la condizione è barra completa si può optare per un distruttivo attacco a raggi X (già visto nel game del 2011) che consuma molto più rapidamente l'energia nemica.

Possibile interazione parziale con quanto si trova attorno al personaggio, quando si attiva il relativo segnale nella parte alta dello schermo, elementi scenografici che danno vantaggio negli assalti o fughe oppure per attaccare con armi (davvero) non convenzionali. Rimanendo in tema energia c'è anche la barra stamina che quando è carica consente di respingere attacchi anche devastanti facendo ovviamente attenzione a gestirla con parsimonia dal momento che è anche indicatore di possibilità di corsa e quindi per allontanarsi o avvicinare più rapidamente il nemico e colpirlo di nuovo.

Quando l'energia avversaria sta per terminare si hanno a disposizione mosse di chiusura del combattimento, le “Brutality”, cui seguono le “Fatality”, ovvero i colpi di grazia per finire l'avversario, diverse per combattente si generano tramite combinazione di tasti non sempre di immediato richiamo, a meno di non specializzarsi come è buon uso in particolare all'inizio per i neofiti con uno o due personaggi in modo da districarsi anche nelle peggiori situazioni. Sempre disponibile apposita sezione di allenamento per imparare a memoria tutte le mosse.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

Gli scontri singoli offrono buone opportunità di riuscita con ben quattro livelli di difficoltà (molto facile, facile, difficile, molto difficile) e prepararsi al meglio specie se si è intenzionati a misurarsi nelle arene online. Interessante per la sezione singolo giocatore le variazioni sul tema offerte dalla modalità “Prova la tua fortuna” dove prima dello scontro vengono assegnate imprevedibili variabili che alzano il livello dello scontro per esempio all'interno di ambienti ostili dove entrambi i lottatori devono anche preoccuparsi di ciò che li circonda piuttosto che aumento o diminuzione della velocità nell'attacco.

C'è poi la modalità “Torri” per scontrarsi con team avversari i cui componenti possono però variare nel tempo aumentando il grado di complessità e raggiungere così un elevato ranking pronto per essere battuto da altri. Inutile sottolineare gli aspetti particolarmente gore con sangue a fiumi, teste e arti mozzati che rendono il game adatto a un pubblico maturo. Si può impugnare il pad anche senza sapere nulla dei comandi e divertirsi, quantomeno in modalità 'molto facile', per prendere gradualmente dimestichezza con ambienti, reattività del personaggio e dell'avversario.

Online

Ampia la sezione online dove non abbiamo riscontrato particolari problemi di lag accedendo a scontri singoli con le medesime varianti dell'offline, immancabili gli scontri a squadre in cui bisogna primeggiare rispetto ad altri team. Su tutti segnaliamo la modalità “Re della collina” in cui occorre uscire costantemente vincitori per mantenere la propria posizione di primato che diventa ancora più ardita nella variante “Sopravvissuto” dove la barra di energia non si rigenera mai. Con i gettoni accumulati ci sono ampie disponibilità di optional e arricchimento (Krypta) tra costumi, mosse speciali (fatality e brutality), disegni, musiche e numeroso materiale che impreziosisce il game nel tempo.

Novità che aggiunge un giusto pizzico d'ironia l'introduzione delle “Quitality”, ovvero l'indegno fallimento nello scontro da parte del combattente se il gamer interrompe prima del tempo lo scontro.