Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Test processore AV NuForce AVP-18

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 27 Gennaio 2014 nel canale DIFFUSORI

“Il pre-decoder digitale multicanale del produttore americano, dotato di autocalibrazione, uscite analogiche 7.1 ed equalizzatore parametrico a 11 bande, promette un rapporto qualità prezzo elevatissimo ed un livello costruttivo adeguato a prodotti di rango ben superiore”

Costruzione


- click per ingrandire (click e "apri in altra finestra" per le dimensioni originali) -

Il NuForce AVP-18 dà una sensazione di elevata solidità, sia per il peso complessivo che per l'accuratezza delle finiture. Il display a matrice di punti è piuttosto scarno di informazioni e per la configurazione, l'accesso alla grafica "on-screen" è praticamente indispensabile. I due comandi rotativi senza fine servono sia alla selezione degli ingressi e al controllo del volume, sia alla navigazione del menu e alla modifica di vari parametri. Per il set-up il telecomando è la soluzione più efficace, anche per merito di numerosi pulsanti per le scorciatoie.


- click per ingrandire (click e "apri in altra finestra" per le dimensioni originali) -

Per accedere all'interno ho rimosso il pannello superiore, una lastra di metallo satinata di notevole spessore, avvitata mediante sei robuste viti con testa esagonale. Alle estremità della lastra, dal lato interno, sono inserite due pellicole che assorbono le eventuali vibrazioni. La scheda principale di elaborazione e conversione occupa circa un terzo della superficie interna e si estende per quasi tutta la larghezza del telaio. I componenti, sistemati esclusivamente sulla faccia superiore, sono organizzati in maniera efficiente.


- click per ingrandire (click e "apri in altra finestra" per le dimensioni originali) -

A sinistra, vicino alla presa di alimentazione, ci sono le interfacce per il controllo (RS232, USB e trigger out). In posizione centrale, verso l'interno, c'è la CPU STM32F103, con core Cortex-M3 e 75MHz di frequenza. Sempre in posizione centrale, vicino alle porte digitali, c'è il controller HDMI 1.4 Analog Devices ADV7623 capace di gestire 4 ingressi e un'uscita video digitale.


- click per ingrandire (click e "apri in altra finestra" per le dimensioni originali) -

Procedendo verso destra, troviamo una coppia di DSP Cirrus Logic classe CS4970 e CS4953, affiancati dai rispettivi banchi di memoria. Tra i due DSP, verso la parete posteriore e vicino alla schedina con la porta USB (solo per l'interfaccia Bluetooth) e con il connettore TOSLink, c'è il convertitore D/A a 8 canali Cirrus Logic CS42528, compatibile con segnali fino a 24/192, gamma dinamica di ben 114dB e soluzioni integrate per la riduzione del jitter.


- click per ingrandire (click e "apri in altra finestra" per le dimensioni originali) -

All'estrema destra c'è la scheda audio vera a propria che parte dal controllo volume analogico a 8 canali Cirrus Logic CS3318, caratterizzato da un range d'intervento di 118dB (da -96dB a +22dB), con gamma dinamica di 127dB e distorsione molto bassa (-112dB THD+N). Vicino alle uscite riconosciamo gli operazionali Texas Instruments TL072C e una serie di componenti passivi di buona qualità.