Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Classica in Blu-ray: novembre 2012

di Marco Cicogna , pubblicato il 12 Novembre 2012 nel canale DIFFUSORI

“Generosa l'offerta di titoli del grande repertorio musicale in Blu-ray Disc che anche questo mese offre interessanti pubblicazioni, ad iniziare da The Ring without Words, una sintesi puramente strumentale della Tetralogia di Wagner elaborata dal direttore Lorin Maazel ed eseguita dalla Filarmonica di Berlino”

La Passione secondo Matteo e il Lohengrin

E oraa tocca ad uno dei massimi lavori musicali dell'intero repertorio classico. La Passione secondo Matteo di Bach non ha bisogno di presentazioni. Sono certo che ogni appassionato ne avrà una (o più) che considera insostituibile nella propria discografia. Il supporto Blu-ray Disc, soprattutto se a questo livello di definizione audio e video, consente tuttavia un approccio nuovo alla fruizione musicale, non limitatamente all’opera e al balletto. Al momento questa è la sola edizione in BD della grande opera bachiana, registrata in Germania dalla Accentus in uno splendido multicanale. Tra gli interpreti vocali Christina Landshamer, Stefan Kahle e Wolfram Lattke. Il coro è quello storico del St. Thomas Boys Choir di Lipsia, l’orchestra è la Gewandhausorchester della stessa città. In omaggio alla tradizione bachiana di Lipsia la direzione è affidata al direttore musicale (“Kantor”) Georg Christoph Biller, per intenderci la stessa carica rivestita da Bach quasi tre secoli fa.

Torniamo ad ascoltare Andris Nelsons in un programma musicale su Blu-ray Disc. Lo ricordiamo infatti alla testa del Concergebouw di Amsterdam in occasione del Festival di Lucerna con la Sheherazade di Rimsky Korsakov e la poderosa Ottava di Shostakovich. Questo mese lo vediamo impegnato a Bayreuth con il Lohengrin di Wagner, un ambito operistico “importante” che conferma il giovane direttore come uno dei più significativi interpreti dell'ultima generazione. La realizzazione scenica (peraltro criticata da molti appassionati wagneriani, ma si sa che gli allestimenti a Bayreuth suscitano sempre polemiche) è quella di Hans Neuenfels. I coristi in costume da topi hanno sollevato più di qualche perplessità, ma le voci sono di buon livello e l'apparato musicale condotto con autorevolezza. Mi rendo conto che un’opera completa di Wagner potrebbe non essere il pane più adatto ai denti di chi non si sia ancora avviato alla (ri)scoperta della grande musica.