Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Classica in Blu-ray: settembre 2012

di Marco Cicogna , pubblicato il 20 Agosto 2012 nel canale DIFFUSORI

“Il repertorio musicale classico in Blu-ray Disc, cresciuto sensibilmente, raccoglie diversi generi tra i quali l'opera, il balletto e i concerti sinfonici scelti dal meglio della stagione di importanti orchestre. Il video HD e l'audio multicanale non compresso assicurano puro coinvolgimento ai possessori di un impianto HT di solida fattura.”

Introduzione

Negli ultimi anni il repertorio musicale classico in Blu-ray è cresciuto sensibilmente. Il catalogo si è fatto sempre più ampio e nell'ambito della musica “colta” raccoglie diversi generi tra i quali l'opera, il balletto e i concerti sinfonici scelti dal meglio della stagione di importanti orchestre. L’alta definizione delle immagini e la presenza di un audio multicanale non compresso (PCM, Dolby Thrue HD e DTS Master Audio fino a 7.1 canali) assicurano un coinvolgimento sinora inedito ai possessori di un impianto Home Theatre di solida fattura.

Personalmente sono convinto che le immagini possano e debbano fornire una marcia in più alla fruizione dell'evento musicale, facendo penetrare lo spettatore all'interno della struttura del brano grazie all'accurata ripresa video che permette di seguire lo sviluppo della frase con trasparenza inedita. Se il supporto delle immagini appare indispensabile per il pieno coinvolgimento con un'opera lirica o un balletto, non meno importante è il ruolo del video nel repertorio puramente strumentale. Se avrete la pazienza di seguirmi nelle prossime puntate scoprirete il fascino di fruire la musica nella sua più intima struttura proprio dalle immagini. L’alta definizione e più in generale lo sviluppo delle tecniche di ripresa dedicate agli importanti eventi musicali offre infatti dettagli un tempo inediti.

Cogliere l'espressione del direttore, il respiro dell’esecutore in un delicato assolo, la potenza della sezione ottoni della Filarmonica di Berlino all'interno di una pagina di Mahler, fornisce un senso di partecipazione intensa ed immediata. Se non avete un abbonamento per una poltrona in decima fila all'Auditorium di Santa Cecilia, alla Filarmonica di Vienna o al Festival di Salisburgo, il Blu-ray rappresenta un'occasione preziosa ed insostituibile. L'evento artistico può essere quindi completato dalla presenza delle immagini e si apprezza sempre di più il lavoro dei registi che sanno rendere i più minuti dettagli dell'esecuzione senza perdere di vista la visione narrativa dell'insieme. Ma c'è di più. L'alta definizione delle immagini contenuta nel supporto Blu-ray Disc reca con se l'alta definizione dell'audio, con risultati che in termini anche puramente sonori sono oggi allo stato dell'arte.

Non me ne vogliano gli audiofili sostenitori del “puro due canali”, ma l'esperienza dell'ascolto con un buon impianto multicanale di musica in Blu-ray o delle migliaia di SACD multicanale ancora disponibili, offrono un coinvolgimento forte, che convince anche nel lungo periodo. Torneremo nelle prossime puntate di questa rubrica sui temi della musica in multicanale e sulla forza espressiva delle immagini a supporto dell'ascolto (un contributo non dissimile concettualmente a quello del sonoro nel campo del cinema). Prima di segnalarvi alcune novità di recente distribuzione vorrei però raccontarvi di almeno qualche edizione che ha accompagnato i nostri ascolti e non poche dimostrazioni dedicate all'Home-Theater. Chi di voi è abbastanza curioso da mettere alla prova il proprio impianto con un Blu-ray Disc musicale di assoluto riferimento troverà qui di seguito alcuni titoli “da non perdere”.