Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Martin Logan Electromotion ESL

di Marco Cicogna , pubblicato il 11 Settembre 2012 nel canale DIFFUSORI

“Le Electromotion EML di Martin Logan sono diffusori elettrostatici ibridi, con pannello radiante da 0,19 mq per le frequenze medio alte, woofer da 20 cm per lo spettro più basso, sono disponibili anche in configurazione home theater e hanno un rapporto qualità prezzo che ha dell'incredibile”

Set-up in ambiente e discografia

L’inserimento in ambiente domestico è stato un talvolta capitolo spinoso con i diffusori planari. La sola regola importante è lasciare un minimo di aria ai lati (ma non dovrebbe essere un problema) e posteriormente (potrebbe essere un problema). In ogni caso sapete bene come gli angoli siano in ogni caso da evitare. Con l'emissione dipolare della Martin Logan diventa protagonista anche l'emissione posteriore, che contribuisce all'equilibrio tonale dell'emissione complessiva e più ancora alla solidità della scena e alla ricostruzione dell'ambienza.

Diciamo che anche 50/60 cm possono bastare al riguardo; non createvi più problemi del necessario (godetevi la musica piuttosto, un buon vino o una buona compagnia, anche se non necessariamente in quest'ordine). Con una parete “media” (parete intonacata e dipinta) si ottiene un soundstage voluminoso, con una bella prospettiva. Evitate tendaggi pesanti che potrebbero “asciugare” eccessivamente l'emissione posteriore. Il suono risulterebbe meno “vivo”, sicuramente più scarno; meno piacevole? Forse, anche se qui andiamo sul personale.

Qui da me con centoquaranta buoni watt per canale di razza italiana (pre AM Audio P-6 e finale AM Audio MT-5 Reference) e sorgenti di buona qualità (CD-P Primaluna ProLogue, BD/SACD-P  Oppo BD83, giradischi Pro-ject Debut Carbon + testina Ortofon OM10) e  ho avuto risultati notevoli anche in termini puramente quantitativi, come hanno indicato le reazioni dei vicini in occasione delle prove comparative tra diverse edizioni delle sinfonie di Mahler.

Per chi può permetterselo ci sono ovviamente le più grandi CLX. Sono un riferimento difficilmente eguagliabile e rappresentano un importante punto di arrivo per chi vuole andare sino in fondo in tema di ascolto di diffusori elettrostatici. E lì non si tratta soltanto di un pannello ESL ben realizzato, ma di tutta una serie di soluzioni tecniche che i più curiosi potranno trovare sul sito del distributore italiano.

Ecco invece l'elenco della discografia utilizzata per il test (CD, SACD, Blu-ray Disc e vinile)

Berlioz: Sinfonia Fantastica, Scottish Chamber Orchestra, Ticciati, Linn
Mussorgsky: Notte sul Monte Calvo, Oue, Reference Recordings
Bruckner: Sinfonia n. 4, Haitink, LSO
Respighi: Pini di Roma, Sinopoli, Deutsche Grammophon
Stan Getz, “Voyage”
Franck: Corale n. 12, Murray, Telarc
Dvorak: Sinfonia n. 9, Allsop, Naxos
Tchaikovsky: Swan Lake, Ansermet, Vinile, Decca
Schubert: Lieder, Fischer-Dieskau, Philips
Handel: Watermusic, Hyperion
Mussorgsky: Pictures of an Exhibition, Pogorelich, Deutsche Grammophon