Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

T-AMP - amplificatore portatile

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 27 Febbraio 2005 nel canale DIFFUSORI

“Il t-amp di Sonic Impact è un amplificatore stereofonico portatile da 15 watt per canale che può essere alimentato anche con 8 batterie stilo. Un prodotto piuttosto interessante poiché, a fronte di un prezzo d'acquisto paurosamente contenuto, sembra accreditato una qualità all'ascolto da impensierire concorrenti con prezzo fino a venti volte superiore”

Misure - diafonia

Il grafico che segue serve per identificare la separazione tra i due canali stereofonici e riesce a dare molte indicazioni sulla capacità della riproduzione di una scena coerente di un sistema di altoparlanti. In pratica nessun segnale destinato al canale destro deve essere riprodotto dal canale sinistro e vice-versa. La misura della separazione viene anche eseguita su tutto lo spettro di frequenze, da quelle più basse a quelle più elevate.


Diafonia di un amplificatore ideale
- click per ingrandire -

Il grafico qui in alto si riferisce alla diafonia (separazione) di un amplificatore ideale. In pratica la separazione tra i due canali stereofonici non soltanto è molto elevata (135 dB) ma è anche costante su tutto lo spettro delle frequenze riprodotte. Con una prestazione del genere, la separazione è praticamente assoluta: nessun suono che deve essere riprodotto esclusivamente da un canale verrà riprodotto anche dal canale opposto. Qui in basso invece potete osservare il grafico di diafonia dell'amplificatore t-amp.


Diafonia dell'amplificatore T-Amp
- click per ingrandire -

La misura della separazione tra i due canali non è una grande virtù di questo amplificatore. Nel grafico, procedendo da sinistra a destra, più alta è la curva e più una parte del segnale di sinistra si insinua sul canale di destra. Nella misura fatta al t-amp occorre tenere conto anche del fatto che il connettore di ingresso - identico a quello delle schede sonore del computer - da solo immette un po’ di diafonia (inverso della separazione) tra i due canali, misurabile con una certa chiarezza alle frequenze più alte. Come altro responsabile dell'alta diafonia potremmo inserire anche il controllo di volume che sembra caratterizzato da qualità piuttosto modesta.