Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Transformers 4 - L'era dell'estinzione

di CineMan , Emidio Frattaroli , pubblicato il 07 Febbraio 2015 nel canale CINEMA

“Prima produzione con cineprese digitali 4K IMAX e primo Blu-ray con codifica audio Dolby Atmos, ma le sorprese sono state ben altre. Distribuzione Universal Pictures Italia”

L'ascolto in Dolby Atmos di Emidio Frattaroli

Trasformers 4, nonostante abbia un soggetto interessante, è uno dei peggiori fanta-action che sia mai stato costretto a vedere negli ultimi anni. L’ho visto per la prima volta al cinema in 2D, in una buona sala digitale della mia città, con proiettore Barco tarato dal sottoscritto e molto vicino allo schermo.

E posso confermare che tutte le pecche segnalate da Cineman (colori, gamma elevato, grana e sovra-esposizioni) sono sia nel DCP originale, sia nella copia del Blu-ray USA che ho visionato qualche mese fa. Ebbene, del disastroso film di Michael Bay posso salvare solo il mix audio, sia in lingua italiana che in lingua originale, quest’ultimo particolarmente riuscito anche in Dolby TrueHD.

Frame capture esemplificativi a paragone tra 2D (dx) e 3D (sx), non si tratta dello stesso identico frame

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine full HD -

In attesa di terminare un aggiornamento della mia sala home theater, ho verificato la codifica Dolby Atmos all’interno della sala Home Theater di un noto punto vendita bolognese, con impianto 11.2 canali MK Sound, ampli Yamaha Aventage 3040 e lettore Oppo BDP- 103.

In particolare, il valore aggiunto dalla codifica Doby Atmos non è solo per i pochi ma roboanti effetti a sviluppo verticale (elicottero, missili ed esplosioni varie) ma è presente in tutto il film e si traduce in un migliore posizionamento delle sorgenti sonore (anche in alcuni dialoghi) e riesce a dare una gradevole dimensione verticale che fino a ieri non era certo sconosciuta ma sicuramente meno evidente.

Rimane la cocente delusione della mancanza della traccia Dolby Atmos localizzata in lingua italiana. Questo è un vecchio problema che viviamo già da tempo con le attuali edizioni loss-less (Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio) e che continuerà molto probabilmente anche con quelle Dolby Atmos.