Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Tutti al cinema: febbraio

di Alessio Tambone , pubblicato il 03 Febbraio 2015 nel canale CINEMA

“Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di febbraio. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!”

Dal 19 febbraio

Il cielo sopra Berlino

Primo dei due appuntamenti in sala - il secondo è Paris, Texas il 25 febbraio - la proiezione de Il cielo sopra Berlino segna il tributo al regista Wim Wenders in concomitanza con l'assegnazione dell'Orso d'oro alla carriera al Festival del Cinema di Berlino 2015.

Premiato nel 1987 per la migliore regia al Festival di Cannes, la pellicola racconta dei due angeli Damiel e Cassiel, della loro missione in una Berlino segnata dalle cicatrici del secondo conflitto mondiale, in una vicinanza alle sofferenze e alle speranze dell'uomo che porterà uno dei due a una scelta importante.

Mortdecai

Charlie Mortdecai è un aristocratico inglese sul lastrico, follemente attratto dal lusso e dall'arte, dalla quale cerca di ricavare profitti e soddisfazioni tramite acquisti e ricerche segrete. Il mercante si mette così alla ricerca di un quadro rubato che - secondo le voci - conterrebbe gli indizi per scoprire un conto bancario nascosto contentente l'oro dei nazisti.

Ispirato all'omonimo romanzo di Kyril Bonfiglioli, Mortdecai segna la seconda collaborazione tra il regista David Koepp e l'attore Johnny Depp dopo il discreto Secret Window del 2004. Nel cast anche Gwyneth Paltrow, Paul Bettany ed Ewan McGregor.

Life Itself

Roger Ebert è stato un critico cinematografico e sceneggiatore che ha segnato un'epoca negli Stati Uniti (e non solo). Insignito nel 1975 del premio Pulitzer per la critica, Ebert si è distinto per il suo stile di critica molto particolare, condensato nel celebre sistema delle stellette.

Life Itself ne ripercorre la carriera, ricordandone anche la parentesi televisiva (sempre legata alla critica cinematografica) e la malattia che negli ultimi tempi modificò il suo corpo, rendendo il personaggio ancora più iconico.

La pellicola è diretta da Steve James, esperto documentarista dalla lunga filmografia di genere.