Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Musei Vaticani 3D

di Alessio Tambone , pubblicato il 05 Novembre 2014 nel canale CINEMA

“Il documentario prodotto da Sky 3D e Sky Arte HD, con la collaborazione della Direzione dei Musei Vaticani, approda nei cinema per un solo giorno. Ecco il nostro giudizio, impreziosito da un'esclusiva intervista a Cosetta Lagani (direttore Sky 3D) ed Emiliano Martorana (produttore esecutivo)”

L'intervista 2/2

- click per ingrandire -

Parliamo di Sky 3D. Cinema, Calcio e Intrattenimento. Tante fasce di pubblico diverse. Come si dividono gli spettatori i prodotti disponibili?

CL La programmazione di un canale 3D è guidata prima di tutto dal prodotto 3D disponibile sul mercato. Che non è tantissimo - non siamo ai livelli dell'HD - e soprattutto non è tantissimo quello di buona qualità. Il prodotto che noi compriamo, così come naturalmente quello che produciamo, deve superare una serie di test qualitativi della stereoscopia. Valutiamo l'acquisizione solo se il prodotto sterescopicamente risulta a posto.

Chiaramente trasmettiamo sul canale tutti i film di Sky Cinema disponibili in 3D e trasmettiamo il calcio. Produciamo le partite di Serie A, più o meno 2 big match al mese, e poi quello che a mio avviso porta un inaspettato valore aggiunto è la terza dimensione applicata alla documentaristica, sia naturalistica che culturale, artistica o di eventi speciali.

Qualche anticipazione sui prodotti in arrivo?

CL Su questi ultimi prodotti ci stiamo cimentando con le nostre produzioni. Tra i Musei Vaticani e Pompei, il 27 Aprile di quest'anno, in collaborazione con il Centro Televisivo Vaticano, c'è stata la Canonizzazione di Giovanni Paolo II e Papa Roncalli.

Faremo la Messa di Natale e un altro documentario su Firenze e gli Uffizi. Un altro, da un'idea di Wim Wenders, sulle cattedrali della cultura che presenteremo a dicembre. Su questo, a mio avviso, il 3D dona veramente un valore aggiunto e consente di elevare il filone della documentaristica.

Naturalmente il 3D è anche fonte di gioco e divertimento. Ecco quindi l'idea di creare una programmazione giornaliera per i bambini, che abbiamo chiamato Kids Time 3D, nella quale offriamo la stereocopia per le serie animate più in voga in questo momento come Robin Hood, Peter Pan e Il piccolo principe. Oltre a programmare i film di animazione per tutta la famiglia.

Visione nelle sale cinematografiche e sui vostri canali satellitari. La doppia distribuzione potrebbe essere la chiave per raggiungere il pubblico?

CL Lo valutiamo di volta in volta. Il 3D applicato alla documentaristica è ancora poco noto. Pochissime persone hanno potuto vivere questo tipo di esperienza. Il 3D lo si conosce soprattutto per la grande cinematografia hollywoodiana e per qualche evento sportivo. Chi guarda però un documentario 3D, che sia naturalistico o artistico, ne resta veramente coinvolto, lo vediamo anche dalle reazioni del nostro pubblico sui social.

Visto che le TV 3D non sono ancora così diffuse in Italia, nonostante sia ormai una funzionalità inclusa nelle TV di ultima generazione, il fatto di utilizzare canali di distribuzione alternativi come il cinema può aiutare a far scoprire al grande pubblico il valore di questa esperienza, creando un know-how che possa facilitare la fruizione dei contenuti sul nostro canale.

A inizio di quest'anno c'è stata un po' di confusione con i contenuti On Demand della sezione "Scelti per te" e quella invece del decoder collegato a Internet, che non offriva contenuti in HD e in 3D. Qual è la situazione in questo momento? Il 3D è un'opzione liberamente disponibile anche per l'On Demand?

CL In questo momento sul nuovo On Demand, quello collegato, il 3D occupa davvero molto spazio ma anche tempi lunghi per scaricare i contenuti. Per cui in questo momento, proprio in ottica dell'user experience, questi contenuti non sono sempre disponibili.

Mentre tendiamo a mettere uno/due contenuti in 3D al mese, soprattutto film, nella sezione Scelti per te. Contenuti che sono direttamente scaricati sul decoder evitando i tempi lunghi di attesa.

Ci sono margini di miglioramento per quanto riguarda la qualità del segnale, chiaramente inferiore al'offerta di un disco Blu-ray. State lavorando a qualche cambiamento in questo senso e dobbiamo aspettarci sforzi tecnici più indirizzati a cambi di risoluzione (es. 4K)?

CL Ci stiamo lavorando, ma in questo momento non posso dirle altro.