Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma

di Alessio Tambone , pubblicato il 12 Ottobre 2006 nel canale CINEMA

“Jack Sparrow naviga nuovamente nelle acque dei cinema italiani. In sala è ancora in programmazione il nuovo episodio della saga piratesca, che richiama le vecchie leggende dell'Olandese Volante e del Kraken. Ecco il giudizio di AV Magazine”

Numeri da pirati

Nelle pagine precedenti abbiamo descritto l'imponente lavoro che la produzione ha dovuto affrontare per la realizzazione del film. Lavoro reso ancora più impegnativo dalle complicazioni climatiche e dalla decisione di girare molte sequenze del terzo episodio in contemporanea con quelle di Pirati dei Caraibi. Proponiamo quindi ai nostri lettori una sequenza di cifre che narrano l'impegno che la squadra di produzione ha riversato nell'impresa.

- il coordinatore viaggi di produzione ha prenotato oltre 10.000 biglietti aerei (escludendo i voli charter)
- in Dominica sono stati distribuiti 475 telefoni cellulari
- il reparto scenografie ha costruito 550 barili
- gli addetti al suono hanno consumato più di 6.000 batterie
- per comunicare sul set i vari reparti hanno utilizzato oltre 200 walkie-talkie
- per le sartie delle navi, il dècor dei set e oggetti vari, la produzione ha usato quasi 100 chilometri di corda
- le varie unità di ripresa hanno girato oltre 400.000 metri di pellicola
- il servizio catering ha servito oltre 200.000 pasti, sfamando in media 800 persone
- per colazione erano necessarie 1.300 uova, decine di chili di prosciutto, 80 forme di pane, centinaia di salsicce, 400 biscotti e 11 casse di frutta (tutto materiale portato dagli Stati Uniti)
- per l'arredo dei set (in particolare la palude) sono state trapiantate 7.000 piante
- durante le riprese l'isola di Grand Bahama è stata colpita dal più potente uragano della sua storia: Wilma, uragano di categoria 2 con venti che soffiavano a oltre 250 km/h
- il reparto costumi ha realizzato per questo film e per l'ultimo episodio della trilogia più di 8.000 costumi
- l'Olandese Volante è stato armato con 36 cannoni che, anche se incrostati per esigenze sceniche, erano tutti perfettamente funzionanti
- durante le riprese in Dominica l'isola ha ospitato 500 persone tra cast e troupe sparse in 80 alberghi diversi, collegati tra loro attraverso 150 autisti
- negli uffici di produzione 40 contabili hanno lavorato con 7 valute differenti
- 300 sono le spade realizzate per il film
- l'intera pellicola contiene un numero tre volte superiore di inquadrature con effetti speciali rispetto all'episodio precedente