Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma

di Alessio Tambone , pubblicato il 12 Ottobre 2006 nel canale CINEMA

“Jack Sparrow naviga nuovamente nelle acque dei cinema italiani. In sala è ancora in programmazione il nuovo episodio della saga piratesca, che richiama le vecchie leggende dell'Olandese Volante e del Kraken. Ecco il giudizio di AV Magazine”

La colonna sonora

A musicare questo episodio della trilogia troviamo Hans Zimmer, che ha preso il posto del suo associato Klaus Badelt. Colonna sonora di ottimo livello, che riprende i temi già proposti nel primo capitolo. Il CD si apre proprio con la traccia Jack Sparrow, che riarrangia il tema di capitan Sparrow e della sua Perla Nera. Le tracce due e tre, rispettivamente The Kraken e Davy Jones ci presentano invece i due bei nuovi temi di questo capitolo, ricchi di ritmica e di uno stupendo sottofondo di organo a canne. In particolare la terza traccia ci ha ricordato la celebre Resa dei conti di Ennio Morricone del film Per qualche dollaro in più: una forte parte centrale ad appannaggio dell'organo, anticipata dalla dolce melodia del carillon.

Toni misteriosi accompagnano Tia Dalma, mentre le familiari melodie di Tortuga divertono in Two Hornpipes. La cupa Dinner is served, utilizzata per le scene ambientate sull'isola dei cannibali, si chiude invece con il valzer che ci ha divertito durante la visione del film. Il resto delle tracce riprendono abbastanza efficacemente i temi principali, andando a creare una colonna sonora da ascoltare a prescindere dal film. Stendiamo un velo pietoso sull'ultima traccia, un disco remix di sette minuti nel quale "rieccheggia" il tema di Jack Sparrow.

1. Jack Sparrow
2. The Kraken
3. Davy Jones
4. I've Got My Eye On You
5. Dinner Is Served
6. Tia Dalma
7. Two Hornpipes (Tortuga)
8. A Family Affair
9. Wheel of Fortune
10. You Look Good Jack
11. Hello Beastie
12. He's A Pirate - Tiësto Remix (Bonus Track) Remixed by Tiësto