Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma

di Alessio Tambone , pubblicato il 12 Ottobre 2006 nel canale CINEMA

“Jack Sparrow naviga nuovamente nelle acque dei cinema italiani. In sala è ancora in programmazione il nuovo episodio della saga piratesca, che richiama le vecchie leggende dell'Olandese Volante e del Kraken. Ecco il giudizio di AV Magazine”

L'arcipelago delle Exumas e la scogliera di Palo Verde


Il duello a tre spade sulla sabbia di White Cay

Dalla Dominica la produzione si è spostata nelle Exumas, uno degli arcipelaghi più meridionali dei Caraibi. In particolare la troupe ha girato la fine del duello a tre spade e tutte le scene che si vedono nel film ambientate sulla spiaggia dalla sabbia bianca, in realtà la deserta baia di White Cay. Questa spiaggia era accessibile solo via mare, quindi la troupe era costretta ogni giorno a percorrere un tragitto in auto dall'albergo verso un piccolo molo, imbarcandosi poi su uno dei battelli che ogni mezzora attraccavano ad un enorme campo base galleggiante costruito da due enormi chiatte collegate tra loro da 60 metri l'una.

Su queste superfici erano posizionati le roulotte degli attori, le sale del catering e gli uffici di produzione. Da qui si procedeva su piccole barche o su gommoni gonfiabili fino alla spiaggia, che quindi manteneva l'orizzonte libero adatto alle riprese a 360° che Gore Verbinski aveva in mente. A complicare ulteriormente le cose la marea, che lasciava alla produzione solo poche ore adatte alle registrazioni.


Ancora gli attori insieme al regista sulla sabbia di White Cay

Lasciate le Exumas, la troupe si è spostata a Los Angeles, precisamente a Palo Verde, per terminare la sequenza della gabbia di ossa. In questo set è stata costruita una scogliera artificiale alta 15 metri e larga 30, da cui è stata fatta pendere la gabbia con angolazioni che arrivavano fino ai 90 gradi. Per raggiungere la giusta oscillazione sono state costruite due gru mobili da 160 tonnellate l'una, che provvedevano a far penzolare nel vuoto la gabbia.