Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

The Amazing Spider-Man 2: Il potere di Electro

di Redazione , pubblicato il 25 Aprile 2014 nel canale CINEMA

“In anteprima rispetto alla release americana, l'atteso Spider-Man di Marc Webb torna nelle sale con il primo sequel dei tre programmati entro il 2018. Ecco il giudizio”

Colonna sonora e conclusione

Con questo capitolo numero due c'è stato anche un cambio per la scrittura dello score. James Horner ha infatti lasciato la bacchetta a Hans Zimmer che, d'accordo con il regista Webb, ha formato un'inedito gruppo di musicisti chiamato The Magnificent Six con l'obiettivo di realizzare qualcosa di inconsueto che mescolasse generi e sonorità diverse.

Di questo gruppo, oltre naturalmente a Zimmer e al regista, facevano parte Pharrell Williams (ormai onnipresente in ogni settore musicale), Johnny Marr degli Smiths, Michael Einziger degli Incubus e Junkie XL.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine in massima risoluzione -

La soundtrack ingloba così rock, hip-hop e musica elettronica, una commistione per nulla fuori posto quando si parla di New York. È l'associazione della colonna sonora con un film a lasciare un attimo perplessi, in particolar modo a un primo ascolto precedente la visione del film.

Il forte tema di Electro non è un brano o una canzone, nel senso più comune del termine. È più che altro una sensazione - passateci il termine. Un insieme di suoni ottenuti con dodici fiati e voci distorte combinate con un riff di chitarra (chiaramente di Johnny Marr) e l'elettronica di Junkie XL. Un tema potente che pervade ed elettrizza tutta la pellicola, che acquista un altro spessore quando associato alle immagini sul grande schermo.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine in massima risoluzione -

Continuiamo a non gradire il nuovo tema di Spider-Man, già presente nel precedente capitolo, nonostante il nuovo arrangiamento orchestrato da Zimmer. I titoli di coda sono accompagnati da It's On Again, interpretata da Alicia Keys e Kendrick Lamar. Un brano che, secondo le dichiarazioni dei compositori, già anticipa il futuro tema dei Sinistri Sei.

Eccoci alle conclusioni. Sono tanti i difetti di questo Spider-Man. Nonostante la buona prova degli attori e l'alternanza di momenti drammatici, scene d'azione e siparietti divertenti (inseriti in misura maggiore rispetto al passato con una buona riuscita) non pensiamo che The Amazing Spider-Man 2 valga la sufficienza. I buchi nella sceneggiatura sono troppi, troppa è la Computer Grafica utilizzata con una qualità generale delle riprese non sempre all'altezza delle aspettative verso una produzione di queste dimensioni.

Ancora una volta ci troviamo a chiudere l'articolo con un rimando al prossimo capitolo. Una conclusione che andava bene per il primo film di un reboot di saga. La stessa constatazione al termine del secondo film è gia fuori tempo massimo.

Degno di nota comunque il cliffhanger in chiusura.

ps. per gli amanti di casa Marvel, tra i titoli di coda c'è una sorpresa da non x-dere.

Voto finale 5

Per le immagini © 2013 Columbia Pictures Industries, Inc. All Rights Reserved.

 

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: aprile

Tutti al cinema: aprile

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di aprile. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, consigli sui film e trailer. A voi la scelta!
The Amazing Spider-Man

The Amazing Spider-Man

L'Uomo Ragno torna a volare tra i palazzi di New York, in un reboot della saga atteso al varco che cerca di far dimenticare la recente trilogia firmata Raimi. Operazione riuscita? Ecco il giudizio di AV Magazine



Commenti