Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Lo Hobbit - La desolazione di Smaug

di Redazione , pubblicato il 31 Dicembre 2013 nel canale CINEMA

“Prosegue il viaggio della compagnia formata da Bilbo Baggins, Gandalf e i tredici nani. Peter Jackson ci riporta nella Terra di Mezzo con il secondo capitolo cinematografico dedicato al romanzo Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien”

Bentornati nella Terra di Mezzo

Partiamo dalla considerazione finale e poi procediamo a ritroso. La desolazione di Smaug segna un deciso cambio di marcia rispetto a Un viaggio inaspettato. E' la stessa sensazione avuta visionando Le due torri dopo La compagnia dell'anello. L'atmosfera generale è diventata epica, sontuosa, da grande cinema. Le presentazioni dei personaggi sono finite. Non parliamo però soltanto di sceneggiatura, che analizzeremo nel dettaglio tra poco, ma della sensazione - quasi indescrivibile - di guardare un'Opera cinematografica, non un semplice film.

Il tutto comincia subito, sin dalla prima scena flashback che vede coinvolti Gandalf e Thorin. Atmosfera piovosa, fredda e notturna all'esterno. Nella locanda gli abitanti di Brea e i viandanti giunti cercano calore, una buona bevanda e anche qualche affare. C'è grande rumore, ma i due noti personaggi si avvicinano tra loro in un crescendo musicale che fissa nella mente dello spettatore il motivo del viaggio, la causa che porta Thorin a firmare un contratto con un piccolo scassinatore hobbit.

- click per ingrandire - click con pulsante dx e "apri in altra finestra" per l'immagine intera -

E' un corto circuito immediato, fatto di colonna sonora, nozioni, colori e personaggi. Siamo seduti a guardare il grande schermo da pochi minuti ma siamo già maledettamente dentro le avventure della Terra di Mezzo.

Dal racconto del viaggio successivo emergono in questa tappa i temi oscuri, in qualche modo assenti nel film di presentazione Un viaggio inaspettato, che saranno poi la base della trilogia de Il signore degli anelli: la natura del potere, il coraggio, la cupidigia e il sacrificio. Temi importanti che appesantiscono la natura un po' più giocosa del romanzo originale che diventa così più fumosa e più simile alla già citata trilogia sequel.