Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Oscar 2013 - I vincitori

di Redazione , pubblicato il 25 Febbraio 2013 nel canale CINEMA

“La notte che assegna i premi più ambiti del mondo del cinema è arrivata. 33 film candidati per 21 statuette. Lincoln, Argo e Les Misérables, con qualche premio più scontato di altri. Ecco la cronaca completa”

Sonoro, attrice non protagonista, montaggio

Al ritorno dalla pubblicità sul palco ci sono Mark Whalberg e Ted, con una gag prevista visto il grande successo avuto dall'orsetto ideato, diretto e doppiato dal presentatore Seth MacFarlane. Si torna però subito alla gara con l'Oscar al Miglior sonoro. Anche in questo caso il premio era prevedibile, con la statuetta che va a Les Misérables per l'incredibile lavoro in presa diretta affrontato in produzione. Il musical si porta così a quota due Oscar.

Si prosegue con la categoria Miglior montaggio sonoro e, sorpresa, c'è un ex-aequo. Premiati sia Zero Dark Thirty che Skyfall, entrambi alla prima statuetta della serata.

Christopher Plummer è sul palco per presentare la categoria Migliore attrice non protagonista. Il musical Les Misérables dovrebbe portare a casa il premio per la toccante interpretazione di Anne Hathaway nei panni di Fantine. Nessuna sorpresa, con il premio che va alla Hathaway per una performance di soli (circa) 15 intensi minuti. Il fortunato musical passa per il momento in testa come numero (tre) di Oscar vinti. Lincoln e Argo sono ancora fermi a quota zero.

Sandra Bullock introduce la categoria Miglior montaggio. Il premio dovrebbe essere di William Goldenberg, nominato sia per Argo che per Zero Dark Thirty (in coppia con Dylan Tichenor). Così è. Abbiamo tirato involontariamente il primo Oscar ad Argo, che smuove così lo zero in casella premi vinti. Comincia la rincorsa? Intanto piccola pausa nella premiazione: Adele canta dal vivo Skyfall, ma l'interpretazione è agghiacciante. Emozione o lontananza dai palchi che si fa sentire? Intanto mancano nove premi alla fine.