Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Oscar 2013 - I vincitori

di Redazione , pubblicato il 25 Febbraio 2013 nel canale CINEMA

“La notte che assegna i premi più ambiti del mondo del cinema è arrivata. 33 film candidati per 21 statuette. Lincoln, Argo e Les Misérables, con qualche premio più scontato di altri. Ecco la cronaca completa”

Avvio, attore non protagonista, animazione

Si alza il sipario, con Seth MacFarlane che fa gli onori di casa. Partenza rapida, con un prevedibile monologo che prende in giro i vari candidati presenti in teatro. Quindi c'è l'inatteso collegamento con William Shatner, il celebre Capitano Kirk di Star Trek, con un breve numero da musical che sottolinea le doti di intrattenitore del nuovo presentatore. Sul palco salgono Channing Tatum e Charlize Theron, che ballano sulle note cantate dallo stesso MacFarlane. Interviene ancora Shatner che presenta una video parodia di Flight realizzata con dei calzini.

- click per ingrandire -

Ancora musical. Ad accompagnare MacFarlane ci sono adesso Daniel Radcliffe e Joseph Gordon-Levitt, mentre il brano sfocia in un omaggio a La bella e la bestia, con MacFarlane che interpreta Lumière. Tanto musical in questa prima fase. Forse troppo. La serata è cominciata da 15 minuti e non c'è ancora un premio.

Finalmente si comincia. Occhi puntati sulla categoria Miglior attore non protagonista. La lotta dovrebbe essere tra Tommy Lee Jones (Lincoln) e Christoph Waltz (Django Unchained), ma attenzione a Robert De Niro che torna in nomination 20 anni dopo Cape Fear. Categoria interessante tra l'altro perché i 5 in lizza hanno già vinto almeno un Oscar ciascuno. Alla fine la spunta Christoph Waltz, al quale evidentemente Tarantino deve portare fortuna. Un altro Oscar dopo quello del 2009 con Bastardi senza gloria.

Melissa McCarthy e Paul Rudd premiano il miglior corto d'animazione, confermando le voci che vedevano Paperman come favorito. I due non scendono però dal palco e si fermano per premiare anche il Miglior lungometraggio d'animazione. Sarà la volta di Tim Burton e del suo Frankenweenie? A quanto pare no. La Pixar supera tutti e porta a casa il premio per Brave, inaspettato almeno nei confronti di Ralph Spaccatutto.