Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Il grande silenzio

di Alessio Tambone , pubblicato il 17 Aprile 2006 nel canale CINEMA

“Dopo il successo tedesco arriva anche in Italia il documentario-evento sulla vita dei monaci nella Grande Chartreuse, il complesso più antico costruito dall'Ordine dei Certosini sulle Alpi francei. 164 minuti si silenzio, preghiera ed introspezione. Ecco il nostro giudizio”

La scheda del film

Titolo: Il grande silenzio
Titolo originale: Die grosse stille
Data di uscita: 31/03/2006
Durata: 164'
Paese: Germania, Svizzera
Audio: Dolby Digital
Genere: Documentario
Produzione: FilmProduktion, ProduktionsFirma, Ventura Film S.A., Bavaria Film, Cineplus, TSI
Distribuzione: Metacinema
Regia: Philip Groning
Soggetto: Philip Groning
Fotografia: Philip Groning
Montaggio: Philip Groning
Sito internet ufficiale: www.diegrossestille.de

 

Articoli correlati

Doom

Doom

Sulla scia dei videogiochi passati dal monitor al grande schermo, come Tomb Raider e Resident Evil, arriva in Italia sul grande schermo Doom, film ispirato al celebre e rivoluzionario videogioco rilasciato nel 1993 dalla id Software. Nelle sale dal 17 Marzo.
The New World

The New World

The New World - Il nuovo mondo segna il ritorno al cinema di Terrence Malick dopo sette anni di inattività. La storia è quella di Pocahontas e del capitano inglese John Smith, innamorati segreti al centro dello scontro tra i nativi indiani e i coloni di Sua Maestà del 1600
King Kong

King Kong

Peter Jackson riporta sullo schermo King Kong, un pezzo di storia di cinema che si perde però in un film troppo lungo, nonostante alcune note veramente positive. Ecco il giudizio di AV Magazine dell'ultima fatica del regista neozelandese
Viva Zapatero!

Viva Zapatero!

Grazie alla Lucky Red arriva nelle sale italiane il documentario di Sabina Guzzanti sulla libertà di informazione in Italia. Interviste, satira europea e stralci di giornali, il tutto per raccontare l'imbavagliamento dell'informazione e del programma RaiOT



Commenti