Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Skyfall

di Redazione , pubblicato il 02 Novembre 2012 nel canale CINEMA

“L'agente 007 torna sul grande schermo per festeggiare il cinquantesimo anniversario della serie più longeva della storia del cinema. Con Skyfall siamo a quota 23 film, con Daniel Craig ancora nei panni di James Bond dopo i precedenti Casino Royale e Quantum of Solace”

Girare nel resto del mondo

Le origini di Bond sono anche scozzesi, come accennato da Fleming nel penultimo romanzo con i luoghi di nascita del padre fissati a Glencoe, uno dei posti più suggestivi - e classici - della Scozia, con le celebri montagne che in questo Skyfall fanno da sfondo in una scena. Scena importante perchè Bond ed M percorrono le strade di Glencoe a bordo della già  citata Aston Martin DB5. Un chiaro e riuscito omaggio alle radici letterarie e cinematografiche di 007.

Anche la Cina e Shanghai giocano un ruolo importante nella storia. Il regista della seconda unità  Alexander Witt ha lavorato con la sua troupe di notte nella settimana che precede la famosa festa del Capodanno cinese, usufruendo anche di un permesso speciale del governo cinese per riprese aeree effettuate a bordo di un elicottero. Parte del set è stata poi ricostruita e ampliata nei Pinewood Studios a Londra.

C'è anche la Turchia in Skyfall, con riprese effettuate a Istanbul e Adana utilizzate per l'incredibile sequenza di apertura. E' la terza volta che Bond viene girato a Istanbul, dopo le precedenti riprese de Il mondo non basta (1999) e Dalla Russia con amore (1963), film che vide lo stesso Fleming accompagnare i produttori e la troupe per le strade del capoluogo turco.

Nella sequenza di apertura di Skyfall Bond insegue un assalitore di un agente ferito dell'MI6 attraverso le strade affollate del centro di Istanbul, correndo tra Piazza Eminonu, il vecchio Bazar delle Spezie e la moschea di Yeni. All'interno della Piazza Eminonu il dipartimento artistico ha allestito un enorme mercato con oltre 250 bancarelle che Bond attraversa quasi agevolmente in moto e correndo sui tetti. Vista la pericolosità  delle scene la troupe ha potuto girare solo di domenica, quando il mercato è chiuso, allestendo le bancarelle nella notte del sabato e animando il bazar con oltre 500 comparse turche.

Da Istanbul la produzione si è poi trasferita ad Adana per continuare le riprese dell'inseguimento che porta Bond su un treno passeggeri turco. Il momento culminante della sequenza si svolge sul Ponte Varda, a un'ora di macchina da Adana. Il ponte, che è stato costruito nel 1912, è lungo 570 piedi e alto 300. La lotta finisce quando Bond cade dal treno e finisce nelle acque del fiume sottostante. L'azione è stata realizzata dalla controfigura di Craig, Andy Lister.