Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Skyfall

di Redazione , pubblicato il 02 Novembre 2012 nel canale CINEMA

“L'agente 007 torna sul grande schermo per festeggiare il cinquantesimo anniversario della serie più longeva della storia del cinema. Con Skyfall siamo a quota 23 film, con Daniel Craig ancora nei panni di James Bond dopo i precedenti Casino Royale e Quantum of Solace”

Girare a Londra

Lo scenografo premio Oscar Dennis Gassner è al suo secondo film di Bond dopo Quantum of solace, alla terza collaborazione con Mendes e alla settima con il direttore della fotografia Roger Deakins. La produzione ha costruito trentuno set, alternando riprese controllate a spedizioni dal vivo anche nella stessa Londra, città  evidentemente propensa e adatta a fare da sfondo alle missioni dell'agente 007.

Buona parte del film si svolge nel sottosuolo della città, in un'ambientazione che richiama il sistema di bunker di Churchill, utilizzato per trasferire gli uffici governativi durante la Seconda Guerra Mondiale per proteggere documenti e uomini dai bombardamenti dell'Asse. Gli Old Vic Tunnels hanno fatto da sfondo naturale per alcune riprese e da ispirazione per i set ricostruiti in teatro, utili per ciak controllati nelle scene più grandi con un importante dispiegamento delle luci del direttore della fotografia Roger Deakins.

In quattro diversi weekend la produzione ha avuto invece accesso alla fermata metropolitana di Charing Cross, con una linea fuori servizio utilizzata per riprendere parte dell'inseguimento di Bond e Silva, con il viaggo attraverso Parliament Square, Whitehall e Trinity Square.

I trentuno set sono stati costruiti invece in otto diversi teatri degli ormai celebri Pinewood Studios a Londra, ormai ribattezzati da tutti 007 Stage. Tra i set costruiti citiamo una parte dei bunker dell'MI6, il Golden Dragon Casino, illuminato da trecento lanterne e due teste di drago alte trenta piedi (realizzate da 12 artigiani giunti appositamente dalla Cina) e gli esterni della Dead City, l'isola al largo di Macao utilizzata come base logistica da Silva.

Il Teatro 007 ha ospitato anche lo spettacolare scontro ferroviario in galleria che avviene quando Bond insegue proprio Silva. Per la scena la troupe ha costruito due carrozze ferroviarie di dimensioni reali, pesanti ciascuna sette tonnellate. Era troppo pericoloso permettere alla gente di stare sul set, quindi, per coprire l'azione, all'interno del teatro 007 sono state posizionate 10 macchine da presa con controllo a distanza.