Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Speciale Montaldo - Passato e presente

di CineMan , pubblicato il 02 Luglio 2012 nel canale CINEMA

“In alta definizione due drammi del grande regista italiano, fotografie dell'America di ieri e dell'Italia di oggi. Grazie a Ripley's Home Video e 01 Rai Cinema gli imperdibili Sacco e Vanzetti (1971) e L'industriale (2011) sono disponibili in Blu-ray.”

L'industriale

A Torino, Nicola (P. Favino) è un ingegnere che ha da tempo ereditato dal padre una fabbrica che produce celle fotovoltaiche, ma il calo degli ordinativi e la congiuntura economica generano la crisi. Dopo il rifiuto da parte della banca di aiutarlo con un prestito di 3 milioni di euro, che lo avrebbe messo in condizioni di portare avanti un rivoluzionario progetto, Nicola finisce con le spalle al muro, con una settimana di tempo per risolvere la questione economica prima della bancarotta. Scartata l'ipotesi di mettersi in mano a una finanziaria con tassi da strozzinaggio, l'unica soluzione sembrerebbe quella di cedere il 49% delle quote a un'azienda tedesca la quale, accortasi dell'urgenza dell'operazione, mira ad acquisire il pacchetto azioni di maggioranza attraverso una logorante contrattazione. L'industriale è testardo, desidera salvare i posti di lavoro e portare avanti la fabbrica senza l'aiuto della famiglia, chiudendosi a riccio anche con la facoltosa moglie Laura (C. Crescentini), che pur di avere un dialogo inizia a flirtare con un altro uomo. Nicola in realtà ha più che mai bisogno di avere accanto la consorte, fino al momento in cui realizza che forse lei lo sta tradendo.

Dal maestro Giuliano Montaldo un forte dramma dei nostri tempi, che fotografa con colori lividi la crisi economica del nostro Paese senza fare sconti a nessuno, rappresentata dal dramma del lavoro che come un effetto domino irrompe all'interno del nucleo familiare rischiando di disintegrarlo. Straordinario Pierfrancesco Favino nel ruolo dell'industriale che regala un'altra grande interpretazione al fianco di altri grandi attori tra cui Carolina Crescentini. Purtroppo il film non ha beneficiato di un’ampia distribuzione nelle sale italiane.

Qualità video

Codifica video AVC/MPEG-4, BD-50, formato immagine 1.85:1. Una visione da sala cinema restituendo i toni freddi dell'originale cinematografia, elementi quasi in bianco e nero stemperati da colori tenui, a intensificare il dramma del racconto. Neri convincenti. Precisione elementi in secondo piano e sui fondali anche in difficili condizioni di luce. Il film è stato girato in digitale 2K.

Qualità audio

La traccia DTS-HD Master Audio 5.1 canali in italiano (core @ 1509 kbps) risalta ottimamente i dialoghi dal centrale, accompagnamento musicale intenso. La natura stessa dell’opera ha vincolato la presenza scenica dei due canali posteriori e del subwoofer, con elementi mediamente interessanti, suoni d’ambienza ed eco dall’interno della fabbrica con gli operai al lavoro.

Contenuti extra (HD)

Da ascoltare sia l’intervento di Giuliano Montaldo (21’) che quello separato di Pierfrancesco Favino (24’), tra dettagli sulla lavorazione e lo studio dei personaggi. Backstage (11'), galleria foto e trailer.

La pagella secondo CineMan

Film 8
Authoring 7
Video 9
Audio ITA 8
Extra 7

 

Articoli correlati

Speciale Casablanca - Analisi edizioni HD

Speciale Casablanca - Analisi edizioni HD

AV Magazine ha analizzato le tre edizioni in alta definizione del classico senza tempo di Michael Curtiz. Dopo le versioni HD DVD e Blu-ray, il film torna restaurato 4K a tiratura limitata numerata - ma non per l'Italia - in occasione del 70° anniversario



Commenti