Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Speciale Casablanca - Analisi edizioni HD

di CineMan , pubblicato il 18 Giugno 2012 nel canale CINEMA

“AV Magazine ha analizzato le tre edizioni in alta definizione del classico senza tempo di Michael Curtiz. Dopo le versioni HD DVD e Blu-ray, il film torna restaurato 4K a tiratura limitata numerata - ma non per l'Italia - in occasione del 70° anniversario”

Le edizioni: qualità A/V

Qualità video

La prima pubblicazione americana è di fine 2006. HD DVD doppio strato 30 Gb, codifica VC-1 e un risultato in alta definizione che già lasciava stupiti per il livello di qualità d'insieme raggiunto da una pellicola che aveva beneficiato di un ottimo restauro. Elevata scala di grigi, livello neri altalenante da additarsi alle caratteristiche di materiale datato 1942, che riporta evidente grana mai veramente invasiva.

Verso la fine del 2009 l'uscita Blu-ray praticamente speculare, con identica codifica video VC-1 e un risultato che non lascia trasparire alcuna differenza. La sensazione è quella che, nonostante la maggiore capienza del disco BD-50, non fosse possibile un'ulteriore sensibile ottimizzazione del già pregevole risultato visivo.

Infine la versione Blu-ray distribuita per il 70° anniversario della pellicola. Solo attraverso lo scan 4K della pellicola si è potuto raggiungere un superiore livello di eccellenza. Questa terza proposta, oltre a beneficiare della codifica AVC/MPEG-4, presenta un grado di pulizia dei fotogrammi che in passato non era stato possibile. Le rimanenti spuntinature e graffi sono stati eliminati restituendo questo capolavoro al suo originale fulgore, senza operazioni invasive di correzione digitale della grana. Permangono passaggi con inferiore contrasto legati all'originale cinematografia e lavorazione della pellicola che fanno parte del DNA della produzione e non sono riconducibili a fault dell'encoding. Tale edizione americana è Region Free.

Qualità audio

L'HD DVD americano offriva tracce Dolby Digital Plus 1.0 (64 kbps) inglese, francese e spagnolo.

Lo speculare Blu-ray italiano contiene tracce Dolby Digital 1.0 (192 kbps) in inglese, francese, tedesco, italiano e spagnolo.

Nell'edizione americana per il 70° anniversario cambia l'originale traccia inglese monofonica con rinnovato encoding DTS- HD Master Audio (core @ 754 kbps) e al precedente set aggiunge anche castellano e portoghese. Curiosamente la traccia AC-3 monofonica giapponese inclusa nel progetto non è accessibile da menù. Un risultato tecnico che in definitiva offre differenze relative, con resa piatta e priva di dinamica di accettabile ascolto, anche se parlato ed elementi sonori di contorno risultano maggiormente marcati ascoltando l'originale inglese.