Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

King Kong

di Alessio Tambone , pubblicato il 16 Gennaio 2006 nel canale CINEMA

“Peter Jackson riporta sullo schermo King Kong, un pezzo di storia di cinema che si perde però in un film troppo lungo, nonostante alcune note veramente positive. Ecco il giudizio di AV Magazine dell'ultima fatica del regista neozelandese”

La colonna sonora

Inizialmente era Howard Shore che si doveva occupare della colonna sonora. Ma, due mesi prima della fine della lavorazione del film, Shore ha lasciato la produzione (il suo lavoro era ultimato) per delle divergenze creative con il regista Peter Jackson, suo grande amico e già “datore di lavoro” per la trilogia de Il Signore degli Anelli (3 Oscar). All’appello è stato quindi chiamato James Newton Howard (Batman begins), che in pochissime settimane ha scritto e registrato la nuova colonna sonora del film. Ma il cammeo di Shore (nella platea del teatro durante la presentazione di King Kong) è rimasto.

Dato il tempo avuto a disposizione, la colonna sonora è più che sufficiente. Buona l'alternanza di classici brani strumentali con inflessioni etniche interrotte da incursioni al pianoforte accompagnano tutto il film, senza però riservare novità degne di nota. Lo score di James Newton Howard tra l'altro è candidato alla cinquina finale come Miglior colonna sonora originale per questa edizione degli Oscar

 1. King Kong
2. A Fateful Meeting
3. Defeat Is Always Momentary
4. It's In The Subtext
5. Two Grand
6. The Venture Departs
7. Last Blank Space On The Map
8. It's Deserted
9. Something Monstrous... Neither Beast Nor Man
10. Head Towards The Animals
11. Beautiful
12. Tooth And Claw
13. That's All There Is...
14. Captured
15. Central Park
16. The Empire State Building
17. Beauty Killed The Beast I
18. Beauty Killed The Beast II
19. Beauty Killed The Beast III
20. Beauty Killed The Beast IV
21. Beauty Killed The Beast V