Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Oscar 2012: i vincitori

di Alessio Tambone , pubblicato il 27 Febbraio 2012 nel canale CINEMA

“La nostra cronaca della notte più importante del mondo del cinema: l'Academy ha annunciato i vincitori dell'ambita statuetta, nell'edizione numero 84 degli Oscar. The artist o Paradiso amaro? Jean Dujardin o George Clooney? Ogni categoria trova il suo vincitore. Ecco il lungo diario della serata”

Animazione, effetti visivi, attore non protagonista

Robert Downey Jr. cattura gli sguardi guadagnando il palco in perfetto stile Tony Stark. Si premia il Miglior documentario. Ci dispiace per Wim Wenders e il suo Pina 3D, ma l'Oscar lo vince Undefeated.

Chris Rock (che in lingua originale doppia la zebra Marty in Madagascar) torna sul palco del Kodak Theatre per consegnare l'Oscar come Miglior film d'animazione, categoria che ricordiamo in questa edizione è orfana della Pixar. Premio sacrosanto assegnato a Rango, incredibile sforzo tecnico del regista Gore Verbinski e della IL&M. Verbinski, nonostante la trilogia dei Pirati dei Caraibi, era alla sua prima nomination. E al suo primo film d'animazione. Un'esperienza geniale! Niente premio per la Dreamworks.

Emma Stone e Ben Stiller introducono le nomination per i Migliori effetti visivi. E' l'ultima possibilità per la saga cinematografica di Harry Potter di portare a casa una statuetta, visto che le altre due nomination per l'ultimo capitolo sono andate. Ma la concorrenza è dura, con il visivamente riuscito Real steel, l'incredibile performance capture de L'alba del pianeta delle scimmie, Transformers 3 e Hugo Cabret. Scorsese prosegue la sua cavalcata tecnica con il quinto Oscar della serata. Premio francamente non condiviso.

Siamo alla categoria Miglior attore non protagonista, con Melissa Leo che introduce le nomination. Applausi in sala per la clip di Moneyball che presenta Jonah Hill. Con lui in cinquina Kenneth Branagh, Nick Nolte, Christopher Plummer e Max von Sydow. Tra i due grandi del cinema, il riconoscimento va a Christopher Plummer per Beginners, unica nomination trasformata in statuetta. Per l'attore di Tutti insieme appassionatamente c'è la standing ovation e il primo meritato Oscar in carriera.