Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Oscar 2012: i vincitori

di Alessio Tambone , pubblicato il 27 Febbraio 2012 nel canale CINEMA

“La nostra cronaca della notte più importante del mondo del cinema: l'Academy ha annunciato i vincitori dell'ambita statuetta, nell'edizione numero 84 degli Oscar. The artist o Paradiso amaro? Jean Dujardin o George Clooney? Ogni categoria trova il suo vincitore. Ecco il lungo diario della serata”

Celebrare i film

Nei giorni scorsi l'Academy ha diffuso 63 poster celebrativi per ricordare i grandi successi cinematografici di questi 84 anni. Con lo slogan comune "C'è una parte di film in ognuno di noi", l'Academy ci ricorda cosa ci hanno insegnato i film. Con loro abbiamo imparato a combattere, ad amare, a ballare, a essere liberi, a essere una famiglia (questa è geniale!). Ecco i 63 film utilizzati, da Via col vento a Una notte da leoni, passando per Arancia meccanica, Avatar, Il padrino e tanti altri. Buona visione!

 

Articoli correlati

Hugo Cabret

Hugo Cabret

Martin Scorsese porta sul grande schermo la straordinaria storia del giovane Hugo, adattando il libro illustrato di Brian Selznick. Avventura, passione e un grande omaggio al cinema. Distribuzione in Italia curata da 01 distribution
Millennium – Uomini che odiano le donne

Millennium – Uomini che odiano le donne

David Fincher firma il secondo adattamento cinematografico del successo letterario di Larsson. Un giornalista e una hacker-punk si trovano insieme ad indagare sulla scomparsa di una ragazza avvenuta 40 anni prima. Al servizio del regista troviamo Daniel Craig e la candidata all’Oscar Rooney Mara
The Iron Lady

The Iron Lady

Abbiamo visionato in anteprima il secondo lungometraggio di Phyllida Lloyd, in uscita nelle sale il 27 gennaio su distribuzione BiM. Un’impeccabile Meryl Streep interpreta Margaret Thatcher, ex Primo Ministro britannico e controversa figura che è riuscita ad abbattere le barriere di discriminazione sessuale e sociale nel mondo della politica



Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Maximilian79 pubblicato il 27 Febbraio 2012, 09:41
Non ci sono più i film di una volta... purtroppo!
Commento # 2 di: g_andrini pubblicato il 27 Febbraio 2012, 12:49
[editato]
Commento # 3 di: robweb pubblicato il 27 Febbraio 2012, 21:45
Hugo per me è stato una delusione notevole, meritava l'oscar solo per le scenografie, scrivere che cars 2 è meglio del Gatto con gli stivali è pura follia, cars 2 è un film che si stenta a credere che sia stato fatto dalla pixar, è di una bruttezza senza pari.
Commento # 4 di: fantasminoformaggino pubblicato il 28 Febbraio 2012, 11:30
punto primo : per me e' assurdo aver lasciato fuori come al solito l'italia, dove quest'anno avrebbe potuto concorrere con Terraferma ma niente

punto secondo: non mi spiego come un mostro sacro come sean penn sia stato lasciato fuori dalla premiazione con l'ultima notevole interpretazione in The Must be the place, forse perche' anche qui c'era un pezzetto d'italia ???

Infine , altro scandalo, non aver nemmeno nominato DRIVE .

Ha detto bene Gianni Canova...... pare l'Oscar dello Spread ! l'Academy e' alla frutta e non sa' che direzione prendere per il futuro, questa e' l'idea che e' apparsa a questo ultimo festival.
Commento # 5 di: wercide pubblicato il 28 Febbraio 2012, 14:42
Originariamente inviato da: fantasminoformaggino;3437102
nfine , altro scandalo, non aver nemmeno nominato DRIVE .

Quotone, le nomination alla regia, montaggio e attore protagonista erano più che lecite secondo me.
Poi sarà che a me Harry Potter e Transformers piacciono un sacco, ma si meritavano qualcosa in più, come effetti speciali e trucco per HP e sonoro per Transformers.
Boh, sembra che questi film non meritino mai attenzione solo perché sono commerciali, io non lo capisco.
Commento # 6 di: Maxt75 pubblicato il 02 Marzo 2012, 00:00
Credo che in qualunque modo fosse andata qualcuno di scontento ci sarebbe stato sempre. Per quanto mi riguarda riprendo qualche commento precedente e in effetti mi sembra che alcune volte i premiati sembrano costruiti ad hoc per sbancare premi. Quando nominarono Hugo le prime volte capii immediatamente che per Transformers non c'era nulla da fare. Questa serie ha già subito diversi furti alla notte degli Oscar e ciò è avvenuto anche in questa.
Io non dico che ci siano complotti od altro, dico solamente che a mio parere alcuni vincitori, non vincano per l'effettivo prodotto che presentano, ma vincano per ciò che loro stessi rappresentano. Spero sia chiara la sottile differenza, che troppo sottile non è.
Commento # 7 di: wercide pubblicato il 02 Marzo 2012, 01:21
Originariamente inviato da: Maxt75;3440075
ma vincano per ciò che loro stessi rappresentano

Quotone, se Steven Spielberg fosse stato il regista e non il produttore esecutivo di Transformers secondo me il premio al miglior sonoro l'avrebbe vinto, e non solo quello.
Commento # 8 di: eribanno pubblicato il 03 Marzo 2012, 08:47
concordo con robweb, finalmente qualcuno che la pensa come me su Hugo, infatti gli oscar ci hanno dato ragione.
Poi effettivamente ora mai i film italiani che meritano qualcosa vedi 'The Must be the place', non vengono proprio calcolati....cmq per i premi assegnati non ci sono state vittorie strane o non meritate.
Certo Harry potter che siamo arrivati alla fine potevano almeno dargli qualcosa di riconoscimento di questa collana di film spettacolari.
Commento # 9 di: fantasminoformaggino pubblicato il 05 Marzo 2012, 02:23
Originariamente inviato da: eribanno;3441110
Certo Harry potter che siamo arrivati alla fine potevano almeno dargli qualcosa di riconoscimento di questa collana di film spettacolari.........[CUT]



straquoto !!

quantomeno un oscarino per l'enorme sforzo produttivo e che ha tenuto per anni le persone al cinema.... macche', nemmeno fosse un prodotto estero.... mah !


ad ogni modo sono proprio curioso di vedere questo The Artist .